The One and Only Ivan (2020)

REEL FACE: VERO VISO:Il giovane Ivan Gorilla Movie
Ivan Movie Gorilla (CGI)
Personaggio generato dal computerIl giovane Ivan Gorilla
Ivan il Gorilla
Nato:1962
Luogo di nascita:Repubblica del Congo, Africa centrale
Morte:20 agosto 2012, Zoo di Atlanta, Atlanta, Georgia, USA (complicazioni durante l'anestesia durante la visita medica) L
Young Ivan Movie (CGI) Ruben Johnston e Baby Ivan Gorilla
Il giovane Ivan il gorilla
Precisione storica (domande e risposte):

Dov'è nato Ivan il gorilla?

Ivan, un gorilla di pianura occidentale, è nato nel 1962 in quella che oggi è la Repubblica Democratica del Congo in Africa centrale. Come il personaggio in L'unico e solo Ivan libro e film, la storia vera rivela che probabilmente viveva in una truppa (un gruppo da otto a dieci gorilla), che era guidata da uno o più di un silverback maschio adulto.

Ivan Gorilla DestructionL'unico e solo Ivan di Katherine Applegate ha fornito le basi per il film con Bryan Cranston.




Cos'è un gorilla silverback?

Un silverback è un altro nome per un gorilla maschio adulto. Il nome deriva dai vistosi capelli argentati sulla schiena che corrono fino alla vita. La vera storia conferma che il vero Ivan il gorilla era davvero un maschio adulto (silverback).



Ivan il gorilla aveva una sorella?

Nella ricerca L'unico e solo Ivan Dall'accuratezza storica, abbiamo appreso che Ivan è stato catturato in natura insieme a una neonata che potrebbe essere stata o meno sua sorella. Questi piccoli di gorilla sono stati catturati per il loro valore di mercato, una pratica che accade ancora oggi. Sia Ivan che la sua compagna furono spediti negli Stati Uniti nel 1964. Earl Leonard Irwin, proprietario del B&I Circus Store a Tacoma, Washington, acquistò la coppia da commercianti di animali selvatici per un totale di $ 7.500. Si è tenuto un concorso per nominare i giovani gorilla. B&I ha selezionato 'Burma' per la femmina e 'Ivan' per il maschio, richiedendo che i nomi inizino con una 'B' e una 'I'. Il negozio stesso aveva preso il nome dai due uomini che lo possedevano in comproprietà nei suoi primi giorni, M. Leo Bradshaw e Earl Irwin. Il negozio è stato ribattezzato Big Top Mall e Video Arcade nel film.

Purtroppo, a causa di complicazioni interne dovute alla polmonite, la femmina di gorilla Birmania è morta non molto tempo dopo essere arrivata a Tacoma.

Ivan Gorilla Cage HeadlineSuperiore:Lois e Ruben Johnston con i giovani gorilla Burma e Ivan nella vita reale.Parte inferiore:Mack (Bryan Cranston) e sua moglie con un bambino Ivan nel film. Foto di famiglia Johnston



Il tutore della vita reale di Ivan lo ha cresciuto come parte della sua stessa famiglia?

Sì. Mentre il proprietario del B&I Circus Store, Earl Irwin, aveva acquistato Ivan, era l'uomo che possedeva il negozio di animali al B&I, Ruben Seibert Johnston, che si prendeva cura di Ivan da bambino. Prima di arrivare a Tacoma, Ivan si era perso in transito per otto settimane. Al momento del parto era malnutrito e debole. Aveva bisogno di cure pratiche se voleva sopravvivere. Ruben ha portato Ivan, di 2 anni, a casa sua e l'ha cresciuto lì per i successivi tre anni (37 mesi). Il gorilla viveva al fianco di Ruben, di sua moglie Lois e dei loro figli Danny e Larry. Come nel film, la compagnia e l'amore senza fine hanno fatto prosperare Ivan mentre viveva con i Johnston. Ha dormito in un letto, ha fatto giri in motocicletta e ha preso d'assalto il frigorifero in cerca di cibo.

Ivan Gorilla CageMentre viveva con i Johnston, Ivan ha causato migliaia di danni alla loro casa. Foto di famiglia Johnston
Nel 1967, all'età di 5 anni, L'unico e solo Ivan la storia vera conferma che il gorilla era diventato troppo forte, grande e indisciplinato per vivere come un animale domestico addomesticato nella famiglia Johnston. Ivan aveva causato circa $ 17.000 di danni. La soluzione di Earl Irwin e Ruben Johnston è stata quella di confinare Ivan in un recinto all'interno del B&I Circus Store. Ha anche fornito loro un'opportunità promozionale per il grande discount. Ivan non avrebbe più vissuto all'aperto per quasi tre decenni. -HistoryLink.org

Ivan Gorilla PitturaCome in L'unico e solo Ivan film, il gorilla è stato spostato in un recinto su misura presso il negozio al dettaglio del proprietario nel 1967.



Il personaggio di Bryan Cranston, Mack, è basato su una persona reale?

Sebbene per lo più immaginario, Mack sembra rappresentare una combinazione del proprietario esagerato del B&I Circus Store, Earl Irwin, e il proprietario del negozio di animali del negozio, Ruben Johnston, che ha cresciuto Ivan da bambino nella casa di Tacoma della sua famiglia. . Questi due individui possono essere visti nel nostro Storia contro episodio di Hollywood , che è incorporato per guardare di seguito. Per seguire tutti i nostri ultimi episodi, iscriviti al nostro canale YouTube .






Ivan il gorilla è apparso in uno show televisivo?

Sì. Durante la conduzione L'unico e solo Ivan fact check, abbiamo appreso che oltre ad apparire negli annunci TV che promuovono il B&I Circus Store, Ivan è apparso nell'episodio del 10 gennaio 1967 del programma televisivo Medico . Lo spettacolo ha seguito un veterinario di nome Dr. Marsh Tracy, che gestiva un centro di studi sugli animali in Africa. L'episodio, intitolato 'Judy and the Gorilla', ha come protagonista uno scimpanzé di nome Judy che era un personaggio regolare della serie. La 20th Century Fox aveva anche offerto al proprietario di Ivan, Earl Irwin, un contratto per far recitare Ivan in un film del Dr. Doolittle, ma il piano non si è mai materializzato.



In che tipo di gabbia era alloggiato Ivan al B&I Circus Store?

La gabbia faceva parte di un rimorchio su misura creato dalla Columbia Body and Equipment Company. L'esclusiva gabbia in cemento e acciaio aveva un televisore integrato, riscaldamento a battiscopa, acqua corrente calda e fredda, aree soggiorno interne ed esterne, una piccola piscina, un tavolo operatorio, un sistema antincendio, collegamenti elettrici, una cucina annessa per la preparazione cibo e passerelle e rampe pieghevoli attorno all'intero rimorchio. La gabbia è stata valutata a $ 60.000. Nonostante il suo costo e i suoi lussi, la gabbia era ancora una cella glorificata e negava a Ivan la familiarità del suo habitat naturale. -Tacoma News Tribune

Cartolina di B&I Circus StoreLa gabbia di cemento e acciaio di Ivan è stata valutata a $ 60.000.




I gorilla sono animali gentili?

Sì. Contrariamente a come i gorilla sono normalmente rappresentati nei film e in televisione, sono per lo più animali calmi, gentili e sottomessi, che spesso si tengono per sé. Nella maggior parte dei casi, non sono aggressivi a meno che non vengano provocati. Sono erbivori. Quindi no, non ti faranno a pezzi arto per arto. Gran parte della falsa percezione dei gorilla come animali feroci è iniziata con il film King Kong . In realtà, sono intelligenti e hanno la capacità di esprimere emozioni. I gorilla ridono quando vengono solleticati e piangono (senza lacrime) emettendo suoni quando sono feriti o tristi.



Al vero Ivan il gorilla piaceva dipingere e disegnare?

Sì. La pittura può essere una forma di arricchimento per gli animali, proprio come l'arte e la lettura lo sono per gli esseri umani. Durante la nostra ricerca su L'unico e solo Ivan Con l'accuratezza storica, abbiamo scoperto che mentre la maggior parte dei gorilla rompe e distrugge una tela di pittura se gli viene permesso di tenerla, Ivan è stato così gentile da potergli dare il pennello e la tela. Avrebbe finito la sua pittura e poi avrebbe restituito gli oggetti ai suoi custodi.

Il dipinto di Ivan è presente in modo prominente in L'unico e solo Ivan film e libro, e giustamente. È stata l'abilità pittorica di Ivan nella vita reale che ha aiutato a farlo notare e, a sua volta, salvato dalla sua reclusione all'interno del B&I Circus Store. Mentre era allo Zoo di Atlanta, è diventato chiaro che il rosso era il suo colore preferito. Quando gli veniva offerta l'opzione, la sceglieva ogni volta.


Ivan Gorilla protestaL'immaginario Ivan osserva la sua opera d'arte nel film (a sinistra). Ivan dipinge nella vita reale (a destra).




C'erano altri animali in mostra al B&I Store?

Sì. Ivan il gorilla non era l'unica attrazione per gli animali al B&I Circus Store. Tuttavia, era l'unico gorilla e, a differenza del film, non era in contatto con gli altri animali, anche se ci sono foto di lui con un leone. Il proprietario del negozio, Earl Irwin (1909-1973), ha esposto nel corso degli anni una varietà di animali, tra cui fenicotteri, un elefantino di nome Sammy, un leone, una foca, una coppia di scimpanzé, un pollo, un coniglio e altro ancora. Come risultato delle attrazioni degli animali di Irwin, il negozio divenne famoso in tutto il mondo. Oltre agli animali, il negozio al dettaglio offriva anche giostre (una giostra e altre giostre), una sala giochi, scivoli d'acqua e cibo. B&I si è promosso come il 'Piccolo negozio più grande del mondo'.

All'inizio degli anni '70, gli Irwin avevano iniziato a trovare nuove case per la maggior parte degli animali del negozio, ad eccezione di Ivan.

Film e Real Ivan GorillaUna pubblicità degli anni '60 per il B&I Circus Store a Tacoma, Washington.



I manifestanti hanno fatto campagna per il rilascio di Ivan?

Sì. L'unico e solo Ivan la storia vera dimostra che alla fine degli anni '80, l'atteggiamento globale verso la custodia di animali selvatici più grandi in spazi così ristretti aveva iniziato a cambiare. Le richieste di ampi spazi naturalistici per animali come Ivan stavano diventando un luogo comune. Nell'autunno del 1987, il gruppo per i diritti degli animali Progressive Animal Welfare Society (PAWS) ha chiesto una protesta e il boicottaggio del B&I Circus Store. Le petizioni 'Free Ivan' si sono fatte strada intorno a Tacoma.

La campagna contro il negozio si è intensificata nel 1991 con l'uscita del film indipendente L'Urban Gorilla . Il film di 53 minuti, narrato da Glenn Close, presentava un segmento di 3 minuti che raffigurava Ivan come prigioniero nella sua gabbia di cemento. La sua vita era in contrasto con quella del gorilla Willie B., che aveva trascorso 29 anni confinato in un recinto al coperto ma si era adattato con successo all'habitat all'aperto dello zoo di Atlanta. Con un numero in calo di clienti, il B&I Circus Store dove Ivan è stato tenuto dichiarato fallimento nel 1992, rendendo il futuro di Ivan ancora più incerto. Nel 1994, la storia di Ivan si era diffusa nei media nazionali. Diverse organizzazioni per i diritti degli animali e zoologiche hanno continuato a esprimere la loro indignazione per la reclusione di Ivan nel suo recinto al centro commerciale.


I manifestanti si radunano per liberare Ivan il gorilla e altri animali nel film, e un annuncio (nel riquadro) per una protesta di PAWS nella vita reale per far rimuovere Ivan dal B&I Store.



Michael Jackson ha provato a comprare Ivan il gorilla?

Anche se ovviamente non faceva parte del film Disney Plus, ci sono state segnalazioni secondo cui il defunto cantante ha cercato di acquistare Ivan nel 1992. Il suo piano era quello di costruire un habitat per Ivan nel suo Neverland Ranch di 2.700 acri a nord di Santa Barbara. Tuttavia, l'affare è fallito, almeno in parte a causa del fatto che non è stato in grado di ottenere i permessi di costruzione per l'habitat.



Per quanto tempo il vero Ivan è stato rinchiuso nel recinto del centro commerciale?

Nella vita reale, Ivan è stato esposto al pubblico per 27 anni nel suo recinto di cemento e acciaio al B&I Circus Store di Tacoma, Washington. Dopo che le organizzazioni locali per il benessere degli animali fecero una campagna per il rilascio di Ivan, la famiglia Irwin lo donò al Woodland Park Zoo di Seattle nel 1994. Tuttavia, l'habitat dei gorilla dello zoo era pieno e non avevano lo spazio per mantenere Ivan, quindi a ottobre di quel giorno. anno, è stato prestato in modo permanente allo Zoo Atlanta in Georgia. Qui è dove avrebbe vissuto gli ultimi 18 anni della sua vita. Nella primavera del 1995, Ivan aveva acquisito abbastanza familiarità con lo zoo per vivere la vita all'aria aperta per la prima volta in 27 anni. Vagava tra l'erba e gli alberi dell'habitat all'aperto della foresta pluviale africana di Ford allo zoo di Atlanta. Quella primavera ha anche segnato la prima volta che è stato con altri gorilla in circa 30 anni.




Ivan si è adattato al suo habitat all'aperto allo zoo di Atlanta?

Come risultato di essere stato confinato per 27 anni nel suo recinto presso il centro commerciale B&I, Ivan non si è mai adattato completamente all'habitat all'aperto dello zoo. Non gli piaceva stare fuori quando pioveva, faceva freddo o era bagnato. Anche un po 'di rugiada sull'erba sembrava infastidirlo. Il suo conduttore allo zoo ha avuto l'idea di dargli sacchi di iuta con i chicchi di caffè. Metteva ripetutamente un sacco davanti a sé per calpestarlo per evitare l'erba bagnata e arrivare dove voleva andare. Se non voleva stare fuori, aveva la possibilità di entrare in casa. -Zoo Atlanta


Ivan nel film (a sinistra) e il vero Ivan (a destra) nei suoi ultimi anni.



Ivan ha fatto amicizia con altri gorilla allo zoo di Atlanta?

Non esattamente. Ivan ha avuto a che fare con diverse femmine di gorilla nel corso degli anni allo Zoo Atlanta, tra cui Molly, Kuchi, Shamba, Kashata e Kinyani. Sebbene sia stato osservato mentre si accoppiava con Kinyani, Ivan non ha mai generato alcuna prole.

Nonostante fosse circondato da altri gorilla, il vero Ivan non è mai stato in grado di sviluppare forti legami sociali con loro e sembrava in gran parte disinteressato. Ivan era unico in quanto, come risultato della sua educazione, aveva molte qualità umane. Le sue relazioni più significative erano sempre con i suoi custodi umani. Il video qui sotto spiega di più su come Ivan ha lottato per adattarsi al suo nuovo habitat.



Quanti anni aveva Ivan il gorilla quando è morto?

Ivan aveva 50 anni quando morì il 20 agosto 2012 mentre risiedeva nella foresta pluviale africana di Ford allo zoo di Atlanta. La durata media della vita di un silverback (gorilla maschio) in uno zoo è di 32 anni e mezzo. La media per una donna è 37. Ivan ha vissuto ben oltre la sua durata prevista. In confronto, questo equivale a una vita umana a 100.