The Disappointments Room (2016)

MULINELLO FACCIA: FACCIA REALE:
Kate Beckinsale nel ruolo di Dana Kate Beckinsale
Nato:26 luglio 1973
Luogo di nascita:
Finsbury Park, Londra, Inghilterra, Regno Unito
Laurie A Dumas (nata Laurie Poirier) Laurie dumas
Nato:4 dicembre 1954
Mel Raido come David Mel Raido
Nato:1977
Luogo di nascita:
Giamaica
Jeffrey Dumas Jeffrey Dumas
C'è una maniglia su un lato e anche un catenaccio. Quindi, chiunque fosse in questa stanza, non ne sarebbe uscito. -Laurie Dumas, Se i muri potessero parlare

Mettere in discussione la storia:

La vera stanza delle delusioni è stata trovata in una grande villa del sud?

No. Secondo la vera storia dietro il film, la stanza reale è stata scoperta in una casa in stile coloniale molto più piccola nel Rhode Island, costruita nel 1857. Tuttavia, era ovvio che qualcuno di ricco aveva vissuto nella casa, poiché conteneva legname di fascia alta e finestre in vetro colorato. La casa più grande vista nel film è la vera Adamsleigh Mansion situata a Greensboro, nella Carolina del Nord. La maestosa villa non è così fatiscente nella vita reale. I realizzatori hanno dovuto passare diverse settimane a rendere la casa e il paesaggio trasandati.

Camera delle vere delusioniIl vero Camera delusioni house (in alto) si trova a West Warwick, Rhode Island. La casa molto più grande usata per il film è la Adamsleigh Mansion (in basso) situata a Greensboro, nel North Carolina.




Cos'è una stanza delle delusioni?

Come la vera proprietaria, Laurie Dumas, ha condiviso la storia della strana stanza della sua casa con i suoi colleghi in biblioteca, un mecenate ha sentito e ha offerto una spiegazione per la peculiare soffitta. 'Un cliente mi ha sussurrato:' Hai una stanza delle delusioni. '' Laurie è rimasta sbalordita nel sentire la spiegazione della persona per lo spazio. 'Storicamente, queste stanze sono state utilizzate per i genitori che avevano un figlio con disabilità e volevano tenerli segreti dal resto del mondo', dice Laurie. 'Così li hanno nascosti nelle stanze al terzo piano, il che era semplicemente incredibile.' A quel tempo nella storia, alcune persone sentivano che c'era vergogna legata all'avere un membro della famiglia disabile o sfigurato, quindi li hanno rinchiusi lontano dalla società.



Chi aveva posseduto la vera casa?

La stanza delle delusioni la storia vera rivela che alla fine del 1800, l'eminente giudice Job Smith Carpenter (1866-1906) e sua moglie Frances Ellen Carpenter (1871-1918) avevano posseduto la vera casa. La strada che corre accanto alla casa, Carpenter Court, è stata intitolata al giudice. Per il film, il nome del giudice è stato cambiato in Judge Blacker (Gerald McRaney) e sua moglie è chiamata Mrs. Blacker (Jennifer Leigh Mann). La vera casa si trova nel registro storico locale ed è stata chiamata Casey B. Tyler House dopo un importante residente che aveva vissuto lì prima del giudice Carpenter.

Gerald McRaney nel ruolo del giudice BlackerGerald McRaney interpreta il giudice Blacker nel film, che è stato vagamente ispirato dal giudice Job S. Carpenter.



C'erano prove che il vero giudice e sua moglie avessero un figlio?

Sì. Dopo aver esaminato un database del cimitero in biblioteca, Laurie Dumas ha trovato la posizione del terreno nel cimitero di Woodland dove erano sepolti il ​​giudice Carpenter (il vero giudice Blacker) e la sua famiglia. Sul lato della lapide c'era il nome di una figlia, Ruth (1895-1900), 'Figlia di Job S. e Frances E. Carpenter'. 'Sentivamo di aver trovato l'occupante della nostra triste cameretta', dice Laurie. Ha setacciato vecchi giornali per ulteriori informazioni sul giudice. C'erano molti articoli su di lui, ma stranamente, nessuno annunciava la nascita di sua figlia nel febbraio 1895, e c'era solo una piccola menzione della sua morte nel 1900 all'età di 5 anni. ', conclude Laurie. 'Non è stato menzionato nulla della sua vita, anche se il resto della sua famiglia era sempre sui giornali.' Laurie crede che il giudice Carpenter, politicamente incline, abbia usato la stanza delle delusioni per mantenere segreta la figlia disabile Ruth dal mondo esterno.

Pietra tombale di Ruth CarpenterLa vera lapide della figlia del giudice (a sinistra) si trova nel cimitero di Woodland. La lapide viene scoperta nei terreni della villa nel film (a destra).



La stanza delle delusioni è stata scoperta nell'attico della casa?

Sì, ma come puoi vedere sotto, la parete frontale della stanza reale sembra più una casa delle bambole che un sotterraneo, ed è fatta di legno, non di mattoni. C'è una maniglia della porta solo all'esterno e anche un catenaccio, rendendo quasi impossibile per chiunque uscire dalla stanza. Ci sono due finestre sul muro più lontano della stanza, che sono troppo alte per fuggire in sicurezza. Forse la parte più peculiare della stanza reale è il pavimento, che è in metallo e ha uno scarico. La stanza delle delusioni creata per il film è stata costruita sui terreni della Adamsleigh Mansion, la casa utilizzata per il film.


Al di fuori della stanza delle delusioni realiL'esterno della stanza delle vere delusioni (in alto) sembra più una casa delle bambole che la stanza simile a un dungeon nel film.




Laurie e Jeff Dumas hanno comprato la casa insieme?

No. Laurie Poirier, una bibliotecaria, ha comprato il vecchio coloniale prima di incontrare il suo futuro marito, Jeffrey Dumas. (Il film vede il marito e la moglie che comprano la casa insieme quando cercano un nuovo inizio dopo i problemi coniugali.) Laurie si è trasferita a casa da un appartamento dietro l'angolo, non da Brooklyn. Nella vita reale, dopo che Laurie ha incontrato Jeff, lo ha invitato a casa sua e lui ha fatto un po 'di esplorazione. Per prima cosa ha trovato un vecchio blocco per lettere di un bambino in un piccolo armadio che era nascosto vicino al soffitto nel seminterrato. Dopo che si sono sposati, si è trasferito e hanno iniziato a esplorare lo spazio extra che avevano in soffitta. 'La soffitta era solo questo grande e polveroso magazzino', dice Laurie. Jeff aveva sperato di utilizzare la strana stanza delimitata che si trovava a un'estremità della soffitta per la sua sala da musica. «Stava per sistemare la sua attrezzatura. In realtà, stava per accendere un po 'di luce sulla porta che si sarebbe accesa durante la registrazione.'

Laurie Dumas e Kate Beckinsale Nella vita reale, Laurie Dumas (a sinistra) ha acquistato la casa prima di incontrare suo marito Jeff. Kate Beckinsale (a destra) nel film.



La vera coppia aveva un figlio di cinque anni?

No. La vera coppia non viene mai menzionata come avere figli. Nel La stanza delle delusioni film , la coppia ha un figlio di cinque anni di nome Lucas (Duncan Joiner).


Lucas è finzioneIl figlio della coppia nel film, Lucas (Duncan Joiner), è di fantasia. La vera coppia non aveva un figlio.




È il vero Camera delusioni casa infestata?

No. Il vero giudice, il giudice Carpenter, non infesta la casa come fa il giudice Blacker nel film. In effetti, i veri proprietari non hanno segnalato nulla di paranormale in corso all'interno della casa del Rhode Island. Per togliere un po 'della tristezza associata alla stanza, Laurie l'ha decorata in quelli che dice sono 'i colori che una bambina apprezzerebbe'. Ciò includeva l'aggiunta di tende, sedie, un tavolo e un paio di bambole (che involontariamente lo fanno ancora sembrare inquietante. Vedi Annabelle ). 'Ruthie è diventata solo una parte della famiglia', dice Laurie.

AllL'interno della stanza delle vere delusioni (in alto) ha un pavimento in metallo con uno scarico. Dana (Kate Beckinsale) incontra il paranormale all'interno della stanza segreta del film (in basso).



Esistono ancora oggi le 'stanze della delusione' o i loro equivalenti?

Sfortunatamente sì. Per gran parte del 20 ° secolo, era comune negli Stati Uniti e in Gran Bretagna separare gli individui con bisogni speciali dal resto della società, rinchiudendoli nelle istituzioni (o tenendoli nascosti nelle case), con la preoccupante giustificazione che era per il loro bene e per il bene della società. Non solo molti di questi individui subirono abusi fisici ed emotivi diretti nelle istituzioni, i loro bisogni speciali non furono mai soddisfatti, e fu loro negata dignità, scelta e poco rispetto. Le storie dell'orrore di tali abusi sono descritte in libri come Vite dimenticate e Orgoglio contro Pregiudizio di Jenny Morris.

Ancora più preoccupante è che mantenere nascosti i bambini disabili esiste ancora oggi in varie regioni del mondo. In Kenya, molti genitori si sono nascosti e maltrattati bambini con disabilità, temendo che avrebbero causato vergogna alle loro famiglie. Di conseguenza, c'è un alto tasso di mortalità per i bambini con disabilità a causa delle dure condizioni a cui li hanno sottoposti i loro genitori. Dopo essere stati tenuti in casa per anni, i bambini nascosti sono stati trovati emaciati e con pelle e colore dei capelli alterati.

Non più tardi di luglio di quest'anno, una donna della Louisiana di 22 anni con autismo è stata tenuta rinchiusa in una gabbia di 6 x 8 piedi dietro una casa mobile per mesi. Nel 2013, una donna texana di 25 anni disabile è stata trovata rinchiusa in una gabbia nel retro di una casa. Cieca e in posizione semi-fetale, era ricoperta di materia fecale essiccata. Mentre queste storie disgustose e inimmaginabili sono quelle che diventano i titoli dei giornali, è importante ricordare che ogni giorno i disabili si verificano casi meno 'degni di nota' di abusi e maltrattamenti.