Minamata (2021)

REEL FACE: VERO VISO:Minami nel ruolo di Aileen Mioko Smith
Johnny Depp
Nato:9 giugno 1963
Luogo di nascita:
Owensboro, Kentucky, Stati UnitiMinamata Giappone mappa
W. Eugene Smith
Nato:30 dicembre 1918
Luogo di nascita:Wichita, Kansas, Stati Uniti
Morte:15 ottobre 1978, Tucson, Arizona, USA (colpo) Bambino vittima della malattia di Minamata
Minami
Nato:22 settembre 1986
Luogo di nascita:
Tokyo, GiapponeChisso Factory Minamata
Aileen Mioko Smith
Luogo di nascita:Giappone
Precisione storica (domande e risposte):

W. Eugene Smith soffriva di problemi di salute che erano il risultato di precedenti infortuni?

Sì. Il Minamata la storia vera rivela che mentre lavorava come fotoreporter al Pacific Theatre durante la seconda guerra mondiale, W. Eugene 'Gene' Smith fu gravemente ferito da colpi di mortaio durante la battaglia di Okinawa. Ha anche riportato ferite in due incidenti aerei. -MagnumPhotos.com




Cos'è la malattia di Minamata?

Come sottolineato nella Minamata Film di Johnny Depp, la malattia è un disturbo neurologico causato da un grave avvelenamento da mercurio. I sintomi includono andatura anormale, linguaggio alterato e movimenti oculari anomali, noti collettivamente come atassia (una condizione che colpisce le parti del sistema nervoso che coordinano il movimento). Altri sintomi della malattia di Minamata includono debolezza muscolare, febbre, agitazione incontrollabile, intorpidimento delle labbra, dei piedi e delle mani, perdita dell'udito e perdita della visione periferica. In casi molto gravi, follia, paralisi, coma e morte possono verificarsi entro poche settimane dai primi sintomi.



Quando è stata scoperta per la prima volta la malattia di Minamata?

La malattia fu identificata per la prima volta nel 1956 nella città di Minamata, nella prefettura di Kumamoto, in Giappone. Era il risultato dell'inquinamento da acque reflue industriali rilasciate da una fabbrica chimica di proprietà della Chisso Corporation. L'acqua di scarico era contaminata da mercurio inorganico. Quando è entrato in contatto con i batteri anaerobici nei sedimenti della baia e del fondo marino, si è trasformato in metilmercurio, la forma più velenosa del metallo, che è stato poi assorbito dalle piante. Quando i pesci e i crostacei nella baia di Minamata hanno mangiato le piante, il metilmercurio si è accumulato nelle loro cellule. Quando le persone e gli animali (inclusi gatti e corvi) consumavano pesce e crostacei, che erano una parte normale della loro dieta, iniziarono a soffrire di avvelenamento da mercurio.

Minamata Chisso Factory PollutionLa fabbrica chimica Chisso si trova nella città di Minamata, nel sud del Giappone, vicino al mare di Shiranui.
È importante notare che, sebbene scoperta nel 1956, la Chisso Corporation ha inquinato l'acqua con il mercurio dal 1932 e ha continuato a farlo fino al 1968, anno in cui il governo ha finalmente riconosciuto ufficialmente la malattia di Minamata come una malattia derivante dall'inquinamento industriale. Fu allora che Chisso interruppe la produzione di acetaldeide usando il mercurio come catalizzatore. Il disastro di Minamata durava da 36 anni.



I sintomi della malattia sono stati osservati per la prima volta nei bambini?

I sintomi della malattia sono stati osservati per la prima volta dagli abitanti dell'area nei gatti e in altri animali selvatici a partire dal 1950 circa. I residenti hanno osservato i gatti che avevano convulsioni, agivano in modo irregolare e poi morivano (è stato successivamente determinato che ciò era dovuto al metilmercurio nel pesce che i gatti mangiavano ). Questo alla fine sarebbe stato soprannominato 'febbre da gatto ballerino'. Hanno anche assistito alla caduta di corvi dal cielo e di pesci morti che galleggiavano sulla superficie del mare. La pesca nella zona aveva visto una riduzione delle catture sin dall'apertura dello stabilimento chimico di Minamata della Chisso Corporation nel 1908. Nel 1926, Chisso aveva raggiunto un accordo di compensazione con la cooperativa di pesca. Un altro accordo fu raggiunto nel 1943.

I primi segni della malattia di Minamata negli esseri umani sono stati infatti osservati nei bambini. Il 21 aprile 1956, una bambina di cinque anni fu visitata dai medici all'ospedale della fabbrica di Chisso. Aveva avuto convulsioni, nonché difficoltà a camminare e parlare. Sua sorella minore iniziò con gli stessi sconcertanti sintomi due giorni dopo. Anche lei è stata ricoverata in ospedale. Dopo che gli stessi sintomi sono stati identificati nella figlia di un vicino, sono stati effettuati esami porta a porta, che hanno confermato altri otto casi. Fu allora che l'ospedale disse all'ufficio della sanità pubblica che avevano un'epidemia non identificata sulle loro mani, che colpiva il sistema nervoso centrale. Il bilancio umano del disastro di Minamata stava cominciando a rivelarsi.

W. Eugene Smith e Aileen Mioko SmithAlcune delle foto reali di W. Eugene Smith e sua moglie Aileen possono essere viste nel film di Johnny Depp, inclusa questa immagine della mano di una giovane vittima della malattia di Minamata di nome Tomoko Uemura. È stata anche l'argomento della foto di Smith del 1971, altamente pubblicizzata e di grande impatto Tomoko Uemura nel suo bagno .



La Chisso Corporation sapeva che la loro fabbrica chimica stava inquinando l'acqua?

Sì. Fin quasi dal momento in cui aprì la fabbrica chimica a Minamata nel 1908, l'azienda era consapevole che le sue acque reflue stavano esaurendo la pesca locale. Dopo la scoperta della malattia di Minamata nel 1956, l'azienda ha effettuato i propri test sulle acque reflue della sua fabbrica chimica. I test hanno rilevato numerosi metalli pesanti che erano presenti in concentrazioni sufficientemente elevate da causare gravi danni all'ambiente. Hanno trovato concentrazioni elevate di arsenico, mercurio, manganese, rame, tallio e selenio. La sfida per gli scienziati è stata capire quale fosse la causa del disastro di Minamata.


Libro di Minamata W. Eugene SmithLa fabbrica chimica della Chisso Corporation a Minamata, in Giappone, ha inquinato le acque con mercurio per 36 anni.




W. Eugene Smith si era allontanato dai suoi figli?

Sì. La rappresentazione all'inizio del film del personaggio di Johnny Depp rintanato nel suo appartamento, estraniato dai suoi figli adulti, bevendo pesantemente e indebitato, sembra per lo più accurato, anche se un po 'esagerato rispetto alla vera storia di W. Eugene Smith. Un tempo famoso fotografo della seconda guerra mondiale, all'inizio degli anni '70, è vero che si era trovato ad abbracciare il risentimento e l'autocommiserazione, per non parlare della bottiglia. Tuttavia, nella vita reale, non era solo. All'epoca viveva con Aileen.



La Chisso Corporation ha cercato di evitare la responsabilità deviando il flusso delle acque reflue?

Sì. Durante la verifica dei fatti, abbiamo confermato che la Chisso Corporation non solo ha minimizzato la propria responsabilità, nel settembre 1958, ha tentato di deviare il controllo deviando le acque reflue della loro fabbrica chimica per fluire direttamente nel fiume Minamata invece che nel porto di Hyakken. Il risultato è stato devastante, poiché un'intera nuova area è stata ora colpita dal disastro ambientale di Minamata. I pesci morti iniziarono immediatamente ad apparire alla foce del fiume e in poco tempo nuove vittime di Minamata iniziarono a comparire nei villaggi lungo la costa del mare di Shiranui, lo specchio d'acqua in cui scorre il fiume.

Minamata manifestantiLe acque reflue industriali contaminate con mercurio fluiscono dalla fabbrica chimica Chisso a Minamata, in Giappone, raggiungendo infine la baia.




Il vero W. Eugene Smith ha incontrato Aileen quando lo ha reclutato per documentare ciò che stava accadendo a Minamata, in Giappone?

No. Nella vita reale, Aileen Mioko Smith non è stata quella che ha reclutato W. Eugene Smith per andare a Minamata. In realtà è stato reclutato da un membro del movimento Minamata mentre lui e Aileen erano a Tokyo per una mostra. Aileen, una donna di origine giapponese di 31 anni più giovane di lui, aveva una relazione con Gene da un po 'di tempo a quel punto. Vivevano nel suo loft a New York City. Gene e Aileen si erano sposati quando si trasferirono a Minamata nel 1971, accompagnati da un assistente, Takeshi Ishikawa. Avevano programmato di rimanere solo per tre mesi, ma hanno finito per documentare la lotta delle vittime di Minamata per tre anni e mezzo. 'Abbiamo vissuto lì, abbiamo conosciuto le persone e abbiamo fotografato', dice Aileen. 'Le vittime erano ricettive; la sensazione era: 'Vogliamo che il mondo lo sappia.' ' -MagnumPhotos.com


Ryoko e Tomoko UemuraLa vera Aileen Mioko Smith aveva 31 anni meno di suo marito Gene. Gli attori Minami e Johnny Depp interpretano la coppia nel film.
Aileen Mioko Smith è stata coautrice del libro Minamata con suo marito Gene, catturando lei stessa alcune delle fotografie. Il libro è diventato la base per il Minamata Film di Johnny Depp. È stato pubblicato per la prima volta nel 1975 ed è una delle sue opere più famose. Eugene e Aileen si separarono non molto tempo dopo aver completato il libro e lui tornò dal Giappone. Entrò in una relazione con una donna di nome Sherry Suris, con la quale si trasferì in un monolocale a New York City. Nel 2001 Aileen viveva a Kyoto, in Giappone.


W. Eugene Smith Attacco InfortunioMinamata di W. Eugene e Aileen Smith contiene le loro foto e una cronaca della lotta delle vittime di Minamata.



W. Eugene Smith ha affittato una piccola casa dalla famiglia di una delle vittime?

Sì. Lui e Aileen Mioko Smith, che all'epoca era sua moglie, affittarono una piccola casa dalla famiglia di una delle vittime di Minamata, Toyoko Mizoguchi, che nel frattempo era morta. Dormivano in una stanza che per lei era stata trasformata in un santuario. La fotografia di Toyoko era sopra il loro letto.




La Chisso Corporation si è rifiutata di collaborare con i ricercatori?

Sì. Il Minamata la storia vera conferma che Chisso nascondeva informazioni sui suoi processi industriali. Ha anche negato i risultati di alcuni dei suoi test che hanno confermato che la sua fabbrica era responsabile. A peggiorare le cose era il fatto che il governo giapponese, insieme ad altre organizzazioni, aveva un interesse acquisito nel far sì che la fabbrica chimica di Chisso rimanesse attiva e funzionante. Alcune di queste organizzazioni sono arrivate al punto di finanziare la ricerca su cause alternative della malattia di Minamata nel tentativo di deviare la colpa dalle acque reflue dell'impianto di Chisso.



Quanto mercurio era presente nel corpo delle persone che soffrivano della malattia di Minamata?

Sono stati prelevati campioni di capelli sia da persone affette dalla malattia che da quelle della zona che non mostravano sintomi. Ciò che i ricercatori hanno scoperto è che le vittime della malattia di Minamata avevano livelli di mercurio che erano più di 100 volte quelli di un cittadino medio che vive nel resto del Giappone. Una persona che non viveva nell'area avrebbe in genere un livello di mercurio di 4 parti per milione (ppm). Il livello di mercurio più alto registrato in una vittima di Minamata è stato di 705 ppm. I residenti asintomatici nell'area avevano livelli di mercurio fino a 191 ppm.



Alcune delle vittime del disastro di Minamata sono state discriminate ed emarginate dalla comunità?

Sì. Poiché le vittime della malattia di Minamata hanno sofferto e hanno combattuto per ottenere un risarcimento, altri nella comunità si sono offesi e temevano che la società che li aveva impiegati si trovasse di fronte alla rovina economica. La Chisso Corporation era stata più disposta a risarcire la pesca rispetto alle vittime, in particolare perché la pesca era in una posizione più forte e aveva una voce più forte come parte della Minamata Fishing Cooperative. Per alcune vittime, la paura di essere ostracizzate ha superato la paura della malattia stessa, quindi sono rimaste in silenzio. Altri hanno rischiato l'ostracismo e hanno partecipato a un sit-in ai cancelli della fabbrica.

Chisso Payoff W. Eugene Smith $ 50.000 per i negativiI manifestanti di Minamata tengono le fotografie dei loro cari defunti (in alto a sinistra) ei manifestanti si riuniscono davanti ai cancelli della fabbrica Chisso (in alto a destra). In basso: una protesta diventa caotica nel film di Johnny Depp. W. Eugene Smith



La malattia di Minamata ha causato difetti alla nascita nei bambini?

Sì. Per decenni, medici e funzionari sanitari della zona hanno notato un'elevata incidenza di paralisi cerebrale e altri disturbi nei neonati. Ciò che è stato particolarmente confuso è stato il fatto che molti di questi bambini sono nati dopo lo scoppio iniziale e non sono mai stati nutriti con il pesce contaminato. I medici avevano supposto che la placenta avrebbe protetto il feto in crescita da qualsiasi tossina presente nel flusso sanguigno della madre. Tuttavia, si è rivelato vero il contrario con il metilmercurio. La placenta ha effettivamente lavorato per liberare il flusso sanguigno della madre dalla sostanza chimica tossica e concentrarla nel feto. La malattia nei neonati divenne nota come malattia congenita di Minamata.

L'immagine più famosa di W. Eugene Smith dal suo saggio fotografico sulla malattia di Minamata è l'immagine del dicembre 1971 di una bambina gravemente deformata di nome Tomoko, che è tenuta da sua madre, Ryoko Uemura, in un piccolo bagno giapponese. Durante la gravidanza, sua madre aveva inconsapevolmente consumato pesce contaminato con metilmercurio. La foto, intitolata Tomoko Uemura nel suo bagno , è stato ampiamente pubblicato e ha contribuito a catturare l'attenzione del mondo. Tomoko (nella foto sotto) soffriva di malattia congenita di Minamata. Morì cinque anni dopo nel 1976. Aileen Mioko Smith, che possiede il copyright della foto, decise di rimuoverla dalla circolazione nel 2001 per rispetto della famiglia. La madre e la figlia sono raffigurate sotto in un'immagine diversa.


Ryoko Uemura culla sua figlia, Tomoko Uemura, nata con la malattia congenita di Minamata.




W. Eugene Smith è stato attaccato per aver documentato le vittime di Minamata e la loro lotta per il risarcimento?

Sì. UN Minamata Il fact check conferma che non tutti hanno guardato con favore agli sforzi del fotoreporter W. Eugene Smith per aiutare le vittime di Minamata e portare l'attenzione mondiale sul disastro ambientale. In risposta a documentare la loro lotta attraverso sconcertanti foto in bianco e nero come Tomoko Uemura nel suo bagno , la sua immagine distintiva, Gene, allora 54enne, fu brutalmente attaccata dai sicari della Chisso Corporation il 7 gennaio 1972. L'attacco faceva parte di uno sforzo per impedirgli di continuare a rivelare al mondo la sofferenza delle vittime. L'attacco è avvenuto quando Gene e sua moglie Aileen stavano coprendo un incontro in una fabbrica di Chisso a Goi, città di Ichihara, a circa un'ora da Tokyo.

'Mi hanno tirato i capelli e altri giornalisti sono stati presi di mira, ma si stavano dirigendo verso Gene', ricorda Aileen. L'assalto ha lasciato Gene gravemente ferito con danni permanenti alla vista da un occhio. Il nervo che scorreva dal dito al collo era stato schiacciato, provocando cecità temporanea in un occhio e svenimenti quando sollevava il braccio. Soffriva di un dolore intenso e anche una volta disse ad Aileen di afferrare un'ascia e spaccargli la testa per porre fine alla sua sofferenza. Tuttavia, il pestaggio non gli ha impedito di continuare a fotografare le vittime e la loro lotta. Durante il periodo in cui non poteva sollevare il braccio per scattare le foto, utilizzava un cavo di rilascio che poteva tirare con la bocca. -MagnumPhotos.com

Come nel film di Johnny Depp, il vero W. Eugene Smith è stato attaccato dai lavoratori della Chisso e ha subito danni ai nervi e una significativa perdita della vista in un occhio.



La Chisso Corporation ha cercato di pagare 50.000 dollari a W. Eugene Smith per consegnare i negativi delle sue foto?

No. Durante un tour della fabbrica Chisso Corporation nel Minamata Nel film di Johnny Depp, W. Eugene Smith (Depp) vengono offerti $ 50.000 per restituire i suoi negativi. Non siamo riusciti a trovare prove di questa offerta nella vita reale, ma drammatizza efficacemente il potere e la leva che Chisso aveva.


Non abbiamo trovato prove che Chisso abbia cercato di dare al vero W. Eugene Smith $ 50.000 per i suoi negativi.



Le foto di W. Eugene Smith e di sua moglie Aileen hanno aiutato le vittime a vincere la causa?

Sì. Le foto di Gene e Aileen hanno contribuito a portare l'attenzione e la consapevolezza dei media di tutto il mondo sulle sofferenze delle vittime di Minamata. Ciò a sua volta ha anche contribuito a raccogliere fondi per la causa delle vittime. Prima di essere pubblicato nel libro di Gene e Aileen del 1975 Minamata: la storia dell'avvelenamento di una città e delle persone che scelgono di portare il fardello del coraggio , le foto erano state pubblicate in Rivista LIFE nel 1972. Il verdetto del processo di quasi quattro anni fu finalmente emesso il 20 marzo 1973. Dichiarò una vittoria completa per le vittime nel gruppo di contenzioso (un altro gruppo aveva scelto di seguire la via dell'arbitrato, con significative meno successo).

Il governo ha finalmente iniziato a ripulire la baia di Minamata nel 1977, ma l'acqua non sarebbe stata considerata sicura fino al 1997.



Quante persone sono morte per la malattia di Minamata?

Nella ricerca di Minamata storia vera, abbiamo appreso che delle 2.265 persone ufficialmente accertate come affette dalla malattia, nel marzo 2001, 1.784 erano morte. Tuttavia, si ritiene che molte vittime rimangano non verificate.



Che ne è stato di W. Eugene Smith dopo essere tornato dalla documentazione delle sofferenze a Minamata, in Giappone?

Come affermato in precedenza, W. Eugene Smith si separò dalla sua seconda moglie, Aileen Mioko Smith, e visse con una nuova compagna, Sherry Suris, a New York City. Gli è stata quindi offerta l'opportunità di insegnare al Dipartimento di arte e al Dipartimento di giornalismo dell'Università dell'Arizona. Lui e Sherry si sono trasferiti a Tucson nel 1977, ma il suo nuovo lavoro è stato piuttosto breve. Ha subito un enorme ictus nel dicembre di quell'anno. Si riprese e continuò a insegnare fino a quando un secondo ictus lo portò alla morte il 15 ottobre 1978.