Mank (2020)

REEL FACE: VERO VISO:Amanda Seyfried nel ruolo di Marion Davies
Gary Oldman
Nato:21 marzo 1958
Luogo di nascita:
New Cross, Londra, Inghilterra, Regno UnitoTom Pelphrey nel ruolo di Joseph Mankiewicz
Herman J. Mankiewicz
Nato:7 novembre 1897
Luogo di nascita:New York City, New York, Stati Uniti
Morte:5 marzo 1953, Hollywood, California, USA (avvelenamento uremico dovuto a insufficienza renale) Charles Dance nel ruolo di William Randolph Hearst
Amanda Seyfried
Nato:3 dicembre 1985
Luogo di nascita:
Allentown, Pennsylvania, USATuppence Middleton nel ruolo di Sara Mankiewicz
Marion Davies
Nato:3 gennaio 1897
Luogo di nascita:Brooklyn, New York, Stati Uniti
Morte:22 settembre 1961, Hollywood, California, USA (cancro) Tom Burke nel ruolo di Orson Welles
Tom Pelphrey
Nato:28 luglio 1982
Luogo di nascita:
Howell, New Jersey, Stati UnitiJoseph Cross come Charles Lederer
Joseph Mankiewicz
Nato:11 febbraio 1909
Luogo di nascita:Wilkes-Barre, Pennsylvania, USA
Morte:5 febbraio 1993, Bedford, New York, USA (attacco di cuore) Bill Nye nel ruolo di Upton Sinclair
Charles Dance
Nato:10 ottobre 1946
Luogo di nascita:
Redditch, Worcestershire, Inghilterra, Regno UnitoFilm di Citizen Kane
William Randolph Hearst
Nato:29 aprile 1863
Luogo di nascita:San Francisco, California, USA
Morte:14 agosto 1951, Beverly Hills, California, USAIl libro dei fratelli Mankiewicz
Arliss Howard
Nato:18 ottobre 1954
Luogo di nascita:
Indipendenza, Missouri, USAGary Oldman e Herman Mankiewicz
Louis B. Mayer
Nato:12 luglio 1884
Luogo di nascita:Dymer, Governatorato di Kiev, Impero russo
Morte:29 ottobre 1957, Los Angeles, California, USAAmanda Seyfried e Marion Davies
Lily Collins
Nato:18 marzo 1989
Luogo di nascita:
Guildford, Surrey, Inghilterra, Regno UnitoHearst Castle a San Simeon
Rita alexander Herman Mankiewicz Incidente d
Tuppence Middleton
Nato:21 febbraio 1987
Luogo di nascita:
Bristol, Inghilterra, Regno UnitoTom Burke in Mank e Real Orson Welles
Sara Mankiewicz
Nato:7 settembre 1897
Luogo di nascita:Baltimora, Maryland, USA
Morte:11 dicembre 1985, Los Angeles, California, USAThe Times We Had: Life with William Randolph Hearst Marion Davies Biography
Sam Troughton
Nato:21 marzo 1977
Luogo di nascita:
UK
John Houseman
Nato:22 settembre 1902
Luogo di nascita:Bucuresti, Romania
Morte:31 ottobre 1988, Malibu, California, USA (cancro alla colonna vertebrale)
Tom Burke
Nato:30 giugno 1981
Luogo di nascita:
Kent, Inghilterra, Regno Unito
Orson Welles
Nato:6 maggio 1915
Luogo di nascita:Kenosha, Wisconsin, Stati Uniti
Morte:10 ottobre 1985, Los Angeles, California, USA (attacco di cuore)
Joseph Cross
Nato:28 maggio 1986
Luogo di nascita:
New Brunswick, New Jersey, USA
Charles Lederer
Nato:31 dicembre 1910
Luogo di nascita:New York City, New York, Stati Uniti
Morte:5 marzo 1976, Los Angeles, California, USA
Ferdinand Kingsley
Nato:1988
Luogo di nascita:
Royal Leamington Spa, Regno Unito
Irving Thalberg
Nato:30 maggio 1899
Luogo di nascita:Brooklyn, New York, Stati Uniti
Morte:14 settembre 1936, Santa Monica, California, USA (polmonite)
Bill Nye
Nato:27 novembre 1955
Luogo di nascita:
Washington, Distretto di Columbia, USA
Upton Sinclair
Nato:20 settembre 1878
Luogo di nascita:Baltimora, Maryland, USA
Morte:25 novembre 1968, Bound Brook, New Jersey, USA
Precisione storica (Q&A):

Quando è stata la sceneggiatura di Citizen Kane scritto?

Il Mank la storia vera conferma che il Citizen Kane la sceneggiatura è stata scritta da Herman J. Mankiewicz e Orson Welles nell'arco di diversi mesi nella primavera e nell'estate del 1940. Fino a che punto ogni uomo ha contribuito alla sceneggiatura è stato oggetto di controversia per anni.

Citizen Kane è stato scritto da Herman Mankiewicz e Orson Welles.




Chi era Herman J. Mankiewicz?

Il vero Herman Mankiewicz ha iniziato come giornalista e drammaturgo a New York e lo è stato Il New Yorker Il primo critico teatrale. Mentre gli studi di Hollywood stavano facendo il passaggio al suono, hanno cercato drammaturghi per la loro esperienza con la scrittura di dialoghi. Mankiewicz fece il giro del paese nel 1926 e iniziò a scrivere per i film, vale a dire Paramount Pictures e MGM.



Herman Mankiewicz ha aiutato a reclutare altri sceneggiatori per lavorare per la Paramount Pictures?

Sì. Il film vede Mankiewicz che invia un telegramma a Charles Lederer (Joseph Cross) nel 1930, chiedendogli di venire a scrivere per lo studio. Il telegramma è simile a un telegramma di vita reale che Mankiewicz ha inviato al giornalista e drammaturgo Ben Hecht. Nel suo libro di memorie del 1954, Un bambino del secolo , Hecht ricorda la formulazione del telegramma, 'Accetterete trecento dollari per lavorare per la Paramount Pictures? Tutte le spese pagate. I trecento sono noccioline. Milioni devono essere afferrati qui e la tua unica concorrenza sono gli idioti. Non lasciare che questo vada in giro. '

Un personaggio del film commenta che Mankiewicz era in qualche modo frivolo con i telegrammi, inviandoli a 'chiunque sia in grado di strofinare tre parole insieme'. Tuttavia, ciò non sembra essere stato il caso nella vita reale. Da quello che possiamo dire, Mankiewicz ha contribuito a mettere insieme un gruppo di sceneggiatori di prim'ordine alla Paramount. Come si vede nel film, questo includeva suo fratello minore Joseph L. Mankiewicz (Tom Pelphrey), la cui carriera ha superato la sua negli anni '30. Lo sceneggiatore Ben Hecht ha scoperto in seguito che Mankiewicz lo aveva reclutato facendo un accordo di gioco d'azzardo con Paramount Studio Chief B.P. Schulberg, dicendo a Schulberg che avrebbe strappato il suo contratto di due anni se Hecht non fosse riuscito a scrivere un film di successo. Tuttavia, questa è più una conferma della fiducia di Mankiewicz in Hecht che un segno di frivolezza.

Scopri di più sui fratelli Herman e Joseph Mankiewicz e sul loro impatto sul film.



Louis B. Mayer ha chiesto ai suoi dipendenti di prendere una riduzione dello stipendio del 50 per cento durante le vacanze bancarie di una settimana di FDR?

Sì. Questo è realmente accaduto. Al fine di ridurre la corsa alle banche, il presidente Franklin D. Roosevelt dichiarò un giorno festivo di una settimana dal 6 al 13 marzo 1933. Come nel film, un Mank Il fact check conferma che il capo dello studio Louis B. Mayer ha davvero promesso che avrebbe pagato ai suoi dipendenti l'altra metà della loro paga una volta riaperte le banche. Nella ricerca della storia vera, abbiamo scoperto che in realtà non ha mai mantenuto la sua promessa ( Leone di Hollywood , p. 179).



Quando si è svolta la campagna governativa californiana di Upton Sinclair?

Il film di David Fincher tenta di legare insieme due storie, la corsa governativa della California del 1934 tra Upton Sinclair e l'incumbent Frank Merriam, che era una battaglia tra lavoro e capitale, e la storia principale del film, la scrittura di Citizen Kane dal co-sceneggiatore Herman J. Mankiewicz e dal regista (e co-sceneggiatore) Orson Welles.




Herman Mankiewicz era dipendente da alcol e gioco d'azzardo?

Sì. Il Mank la storia vera conferma che era ben noto per il suo comportamento dannoso, che era spesso il sottoprodotto del suo alcolismo e disturbo del gioco d'azzardo. La sua personalità rozza infatti gli è costata posti di lavoro e amicizie. Si ritrovò disoccupato nell'estate del 1939, non molto tempo prima che Welles lo assumesse per lavorare Citizen Kane . Gli effetti delle sue dipendenze hanno anche messo a dura prova il suo matrimonio e hanno lasciato sua moglie Sara a lottare per tenere le cose insieme. Nel film, si riferisce a sua moglie come 'Povera Sara'. Il soprannome sembra provenire dal libro di Richard Meryman Mank: lo spirito, il mondo e la vita di Herman Mankiewicz in cui l'autore descrive qualcuno che chiede a Mankiewicz: 'Come sta Sara?' a cui risponde: 'Sara chi?' 'Tua moglie, Sara.' 'Oh, vuoi dire povera Sara.'

Come il personaggio interpretato dall'attore Gary Oldman (a sinistra), il vero Herman Mankiewicz (a destra) era un alcolizzato noto per il suo comportamento distruttivo.



Herman Mankiewicz ha davvero perso $ 1.000 in una scommessa sul lancio della moneta?

Sì. Secondo l'autobiografia di Ben Hecht, questo è accaduto nella vita reale. Scrivendo sul gioco d'azzardo di Mankiewicz, Hecht ha detto che Mankiewicz ha lanciato una moneta in aria con Eddie Cantor, 'chiamando testa o croce per mille dollari'. Nella frase successiva, descrive Mankiewicz come una perdita 'costante'.




Herman Mankiewicz è stato influenzato dalla corsa di Upton Sinclair per il governatorato della California?

No. Il tentativo del film di legare Herman Mankiewicz alla perdita del democratico Upton Sinclair nella corsa governativa californiana del 1934 è quasi del tutto fittizio. Sinclair, che era un noto autore e eminente socialista, ha condotto una campagna che ha sfidato gli imprenditori dello stato. Aveva persino scritto un libro che delineava il suo piano, intitolato Io, governatore della California, e How I Ended Poverty: A True Story of the Future . Alla fine, Sinclair ha perso la gara contro Frank Merriam in carica repubblicano. Il film minimizza in qualche modo il fatto che Mankiewicz fosse un conservatore schietto che si oppose fermamente al fascismo. Non ci sono prove che fosse un sostenitore di Upton Sinclair, né ha molto senso che lo avrebbe sostenuto come candidato.

È vero che anche Mankiewicz era anti-sindacale e si rifiutò di entrare a far parte della Screen Writers Guild. Parlando di unirsi al sindacato nel film, dice a suo fratello Joseph (Tom Pelphrey), 'Non hai niente da perdere se non il tuo cervello'. Questo dialogo arriva quasi direttamente da un annuncio a tutta pagina che ha inserito Varietà opporsi alla gilda ( Ardesia ). Quindi, ancora una volta, non ha molto senso che simpatizzi con i punti di vista di Upton Sinclair, o si arrabbi per anni per la perdita elettorale di Sinclair. Il Mank il film usa questo come una spiegazione inventata del perché il suo Citizen Kane la sceneggiatura presentava tali caratterizzazioni negative del magnate del giornale William Randolph Hearst e della sua amante / attrice Marion Davies.

Amanda Seyfried (a sinistra) nel ruolo di Marion Davies Mank e il vero Davies (a destra).



Herman J. Mankiewicz ha salvato un intero villaggio dal fascismo?

No. Il vero Herman Mankiewicz non ha salvato l'intero villaggio della sua infermiera Frieda come suggerisce il film, ma la vera storia dietro Mank rivela che ha trascorso gran parte degli anni '30 ad aiutare i rifugiati a sfuggire al fascismo. Come fa riferimento Frieda (Monika Gossmann) nel film, questo includeva gli ebrei tedeschi durante l'ascesa al potere di Hitler (i genitori di Mankiewicz erano immigrati ebrei tedeschi emigrati negli Stati Uniti da Amburgo nel 1892). Ha aiutato i rifugiati a trovare lavoro e non si è trattenuto nel dare alle organizzazioni di soccorso. Nella biografia di Mankiewicz di Richard Meryman Mank: lo spirito, il mondo e la vita di Herman Mankiewicz , afferma l'autore, 'Herman è diventato lo sponsor ufficiale di centinaia di rifugiati tedeschi e si è assunto la responsabilità dei perfetti sconosciuti che fuggivano in America'.

Nel marzo 1933, il vero Herman J. Mankiewicz si prese una pausa dalla MGM per scrivere una sceneggiatura intitolata Il cane pazzo d'Europa sull'ascesa al potere di Adolf Hitler in Germania. Mankiewicz, che era davvero profondamente politico, voleva risvegliare l'opinione pubblica americana sui pericoli dei nazisti e del fascismo. Non è stato affatto astuto quando si trattava del messaggio della sceneggiatura, arrivando al punto di chiamare uno dei suoi personaggi principali 'Adolf Mitler'. Sfortunatamente, il film non è mai stato realizzato.




Herman Mankiewicz ha donato alla campagna del rivale di Upton Sinclair, Frank Merriam?

Sì. A differenza di Mank film, non ci sono prove che non fosse disposto a donare e ha dovuto essere convocato da Irving Thalberg come suggerisce il film. Piuttosto, sembra che abbia fatto una donazione volontaria a sostegno della campagna del repubblicano Frank Merriam.

Come nel film, importanti testate giornalistiche e di studio si sono mobilitate per sostenere Merriam. Hanno visto Sinclair come qualcuno con tendenze comuniste che deve essere sconfitto. È vero che Louis B. Mayer ha raccolto fondi dai suoi dipendenti. Tuttavia, nella vita reale, Mayer non ha chiesto ai suoi dipendenti di fare una donazione. Lo stipendio di un'intera giornata è stato detratto dalla busta paga di ogni dipendente MGM. -LA Times



Herman Mankiewicz ha indirettamente influenzato Irving Thalberg per produrre una serie di cinegiornali in scena contro Upton Sinclair?

No. Questa è forse la più grande deviazione del film dalla realtà. Mentre Irving Thalberg ne ha prodotti tre cinegiornali che furono creati per schiacciare Upton Sinclair nella sua campagna contro Frank Merriam in carica per il governatore della California, un commento disinvolto di Mankiewicz non diede mai a Thalberg l'ispirazione per realizzare i falsi cinegiornali. Mankiewicz non ha mai fatto un commento del genere, di cui in seguito si pentirà. Il film lo fa anche scoprire che il magnate del giornale William Randolf Hearst ha contribuito a finanziare i cinegiornali. Mankiewicz si scioglie quando Upton Sinclair perde le elezioni e il film implica che sia sconvolto per anni. Diventa la forza trainante dietro la sua scrittura Citizen Kane e creando la caratterizzazione negativa di Hearst del film. Questa è finzione completa. - Ardesia

Il personaggio del film Shelly Metcalf (Jamie McShane), che dirige i cinegiornali, è un personaggio inventato. Nella vita reale, i cinegiornali messi in scena erano diretti da Felix Feist Jr. Come Metcalf, era un regista di riprese di prova. A differenza di Metcalf, non c'è alcuna indicazione che abbia mai avuto rimpianti per aver realizzato i cinegiornali, né si è ucciso a causa loro. In effetti, è stato un trampolino di lancio per dirigere cortometraggi, poi lungometraggi e infine la televisione negli anni '50 prima della sua morte nel 1965. Puoi visualizzare due dei cinegiornali sotto, che ritraggono diverse interviste simulate da uomo per strada progettate per gettare in cattiva luce il candidato Upton Sinclair. - Ardesia



Herman Mankiewicz ha fatto una scommessa con Louis B. Mayer e Irving Thalberg sui risultati delle elezioni?

No. La nostra esplorazione in Mank L'accuratezza storica rivela che mentre Mankiewicz era davvero un giocatore d'azzardo compulsivo, non c'è alcuna indicazione nelle sue biografie che abbia mai fatto una scommessa sui risultati delle elezioni governative della California del 1934.



Herman Mankiewicz ha partecipato a feste al Castello di Hearst?

Sì. In generale, questo è storicamente accurato. Mankiewicz conosceva William Randolph Hearst socialmente ed era un ospite occasionale nel sontuoso castello del magnate del giornale a San Simeon, che fu l'ispirazione per Xanadu in Citizen Kane . Hearst ha apprezzato Mankiewicz per le sue battute spiritose. È vero che il bere di Mankiewicz alla fine lo ha reso un ospite sgradito. È anche vero che Mankiewicz e l'amante di Hearst, Marion Davies, sono diventati amici. Si sono legati al loro amore per l'alcol. Tuttavia, secondo la moglie di Mankiewicz, Sara, era più perché si sentiva dispiaciuto per Davies ( Ardesia ).

L'ultima scena al castello, dove Mankiewicz condivide un'idea iniziale Citizen Kane , è di fantasia. Il personaggio di Gary Oldman cerca di incorporare il malevolo coinvolgimento di Hearst nelle elezioni del 1934 nella sua presentazione per il film. Non solo non c'è traccia di Mankiewicz in campo, sappiamo che il vero Mankiewicz non era un sostenitore di Upton Sinclair, né era strettamente legato alle elezioni.


La parte anteriore del castello di Hearst (in alto) a San Simeon, in California, e un'ampia vista del castello (in basso).




Herman Mankiewicz ha cercato di impedire che i cinegiornali messi in scena di Irving Thalberg venissero pubblicati?

No. Nel film, Mankiewicz (Gary Oldman) si avvicina a Marion Davies durante la sua transizione dalla MGM alla Warner Bros. in un disperato tentativo di fermare I falsi cinegiornali di Thalberg dall'essere rilasciato. Questo non è mai successo nella vita reale. Per prima cosa, Mankiewicz non si curava dei cinegiornali. Inoltre, il film riorganizza la sequenza temporale per rendere possibile questa trama. Marion Davies non si separò completamente dalla MGM fino al 1 gennaio 1935, nonostante avesse firmato il suo contratto con la Warner Bros. il 31 ottobre 1934. Nella vita reale, il primo cinegiornale fu mostrato nelle sale prima di tutto ciò, il 19 ottobre , 1934. - Ardesia



Herman Mankiewicz ha co-scritto Citizen Kane durante la convalescenza dopo un incidente d'auto?

Sì. Il Mank la storia vera conferma che Herman Mankiewicz scrisse davvero la sceneggiatura mentre stava guarendo dopo un incidente automobilistico del settembre 1939. Mankiewicz aveva cercato di chiedere un passaggio a New York con lo sceneggiatore Tommy Phillips, che ha portato la sua macchina fuori strada dopo essersi distratto. L'incidente ha lasciato Mankiewicz con una gamba rotta in tre punti e un lungo e doloroso processo di guarigione, in gran parte avvenuto in un ranch a Victorville, in California, dopo che Orson Welles lo ha reclutato per collaborare al Citizen Kane script. Insieme ai due uomini c'erano l'ex alleato del Mercury Theatre di Welle John Houseman, un'infermiera tedesca che si prendeva cura della gamba di Mankiewicz e una segretaria di nome Rita Alexander.

Herman Mankiewicz ha scritto la sceneggiatura per Citizen Kane durante la convalescenza da un incidente d'auto.
Lo scenario del ranch sembra essere rappresentato in modo abbastanza accurato, a parte il fatto che il marito nella vita reale della segretaria era un rifugiato europeo immigrato di recente, non un pilota della RAF. La modifica è stata apportata per fornire più conflitto / dramma con Mankiewicz, un isolazionista. Inoltre, il film di David Fincher trova Welles che manda Houseman in un hotel in modo che Mankiewicz possa concentrarsi. Tuttavia, non è mai successo nella vita reale. Mankiewicz e Houseman condividevano una suite con due camere da letto al ranch. - Ardesia



Chi ha effettivamente scritto il file Citizen Kane sceneggiatura, Herman Mankiewicz, Orson Welles o entrambi?

Quello che sappiamo per certo è che Herman Mankiewicz ha firmato un contratto rinunciando a qualsiasi pretesa di essere uno scrittore del film. Sappiamo anche che in seguito ha voluto dei crediti, e dopo aver litigato con un Orson Welles, allora venticinquenne, il regista alla fine ha ceduto e gli ha attribuito un credito cinematografico.

Per quanto riguarda chi ha scritto il film, questo è stato oggetto di dibattito per decenni. Il 1971 di Pauline Kael Newyorkese l'articolo 'Raising Kane' afferma che Orson Welles non ha scritto una sola riga della sceneggiatura. Per l'articolo, ha intervistato John Houseman e la segretaria, Rita Alexander. Tuttavia, Peter Bogdanovich ha intervistato Orson Welles per il 1972 Esquire articolo 'L'ammutinamento di Kane'. L'articolo era una confutazione di Kael Newyorkese pezzo. In esso, Welles ha affermato che c'erano due prime bozze, una scritta da lui e una scritta da Mankiewicz. Ha detto che li ha uniti insieme per ottenere il prodotto finale, mantenendo ciò che gli piaceva dal suo e includendo ciò che gli piaceva da Mankiewicz.

La versione della storia oggi più ampiamente accettata è quella presentata nell'articolo del 1978 di Robert L. Carringer 'The Scripts of Citizen Kane 'in cui ha analizzato le bozze sopravvissute della sceneggiatura. Quello che ha concluso è che Herman Mankiewicz era l'autore principale delle bozze prodotte al ranch di Victorville, ma le revisioni e le aggiunte di Welle sono state fondamentali nella produzione della sceneggiatura finita. Welles ha persino creato scene chiave da zero. In sostanza, Mankiewicz ha fornito una solida base per una storia e Welles l'ha trasformata in un autentico progetto per un capolavoro. Carringer ha trovato ulteriori prove del coinvolgimento di Welle quando ha scoperto un telegramma che Houseman ha inviato a Mankiewicz nel giugno 1940. Il telegramma indica chiaramente che Welles ha svolto un ruolo importante nello sviluppo della sceneggiatura finita ( Ardesia ). Rivela anche che anche Houseman stava scrivendo parti, ma non è chiaro se qualcuno dei suoi lavori sia stato utilizzato.


Tom Burke (a sinistra) in Mank e il vero Orson Welles (a destra) in una conferenza stampa dopo la trasmissione 'La guerra dei mondi' andata in onda il 31 ottobre 1938.
David Fincher, lavorando da una sceneggiatura scritta dal suo defunto padre, Jack Fincher, adotta un approccio più anti-Welles, attenendosi strettamente e persino superando la versione presentata in Pauline Kael Newyorkese articolo. Anche se potrebbe essere la versione che si presta maggiormente al dramma, è probabilmente la meno accurata. La versione di Fincher sminuisce i contributi di Welle. Non vediamo nessuno degli incontri preliminari tra Welles e Mankiewicz che hanno avuto luogo prima di Victorville, che ha prodotto 300 pagine di note. Fincher mostra solo una pila crescente di quaderni accanto al letto di Mankiewicz che sembra essersi materializzata dal nulla.



Orson Welles ha offerto a Herman Mankiewicz 10.000 dollari per rimuovere il suo nome dalla paternità della sceneggiatura?

Questa era una voce che Pauline Kael ascoltò e incluse nel suo 1971 Newyorkese articolo 'Raising Kane.' Probabilmente per amore del dramma, Fincher lo abbraccia e lo include nel suo film, nonostante Welles lo abbia sempre negato. Il film mostra Welles (Tom Burke) che si arrabbia così tanto per il fatto che Mankiewicz vuole credito, che lancia con rabbia mobili attraverso la stanza. Le azioni di Welles ispirano Mankiewicz a scrivere il Citizen Kane scena in cui Kane distrugge la stanza di Susan Alexander. È vero che uno dei momenti folli di Welle ha ispirato la scena, ma è successo mesi prima di qualsiasi discussione tra Welles e Mankiewicz riguardo al credito cinematografico. È stato ispirato da un incidente in cui Welles ha lanciato lattine accese per riscaldare il cibo a John Houseman.



Marion Davies ha visitato Herman Mankiewicz per cercare di convincerlo a smettere Citizen Kane è il rilascio?

Non è probabile. Non c'è menzione di questo nel suo libro di memorie I tempi che abbiamo avuto: la vita con William Randolph Hearst . In effetti, afferma di non aver mai nemmeno guardato Citizen Kane quando è stato rilasciato. Nella migliore delle ipotesi, questa sembra essere un'esagerazione del fatto che la sceneggiatura sia arrivata a Hearst e ai suoi avvocati tramite il nipote di Marion Davies, Charles Lederer.

Leggi la biografia di Marion Davies The Times We Had: Life with William Randolph Hearst .



Come è morto Herman Mankiewicz?

Come affermato nella Mank film, è morto 11 anni dopo aver vinto un Oscar per la scrittura Citizen Kane . La sua causa esatta di morte è stata l'avvelenamento uremico a causa di insufficienza renale da alcolismo.



Quando ha scritto la sceneggiatura il padre del regista David Fincher Mank ?

Il Mank la vera storia rivela che Howard 'Jack' Fincher, un ex giornalista e VITA Capo ufficio di una rivista di San Francisco, ha scritto la sceneggiatura di Mank negli anni '90. Suo figlio David aveva cercato di far decollare il progetto anche prima della sua morte nel 2003. Tuttavia, il film non ha mai superato il livello iniziale di pianificazione della pre-produzione fino al 2019.



Nel complesso, quanto è accurato Mank ?

Abbiamo premiato Mank un punteggio di realtà di 5,5 / 10. Mentre il film ottiene molti dei dettagli più ampi corretti, il tentativo del film di legare la campagna governativa californiana del 1934 di Upton Sinclair a Herman Mankiewicz sembra essere interamente immaginario. Nel film, Mankiewicz nasconde ferite profonde per la perdita elettorale di Upton Sinclair. Il film utilizza il finanziamento di William Randolph Hearst di cinegiornali in scena che screditava Sinclair come motivazione per la sgradevole caratterizzazione di Hearst di Mankiewicz nel suo Citizen Kane sceneggiatura. Tuttavia, non ci sono prove storiche che suggeriscano che questa sia stata la ragione per cui Mankiewicz e il co-sceneggiatore Orson Welles hanno trasformato Kane in una caratterizzazione negativa di Hearst.

La rappresentazione del film di chi ha scritto Citizen Kane si discosta anche da ciò che è stato comunemente accettato come verità. Il film di Fincher adotta un approccio anti-Welles, dando praticamente tutto il merito della sceneggiatura a Mankiewicz, ignorando e tralasciando i dettagli che indicano il contributo significativo di Welles.

«Non puoi immortalare l'intera vita di un uomo in due ore. Tutto quello che puoi sperare è di lasciare l'impressione di uno ', dice Mankiewicz (Gary Oldman) del suo personaggio simile a Hearst, Charles Foster Kane. Fincher's Mank fa un lavoro migliore nel fare quest'ultimo, lasciando un'impressione ben congegnata di Mankiewicz, ma per farlo, inietta una notevole quantità di finzione nella documentazione storica.