Lost Girls (2020)

MULINELLO FACCIA: FACCIA REALE:
Amy Ryan nel ruolo di Mari Gilbert Amy Ryan
Nato:3 maggio 1968
Luogo di nascita:
Queens, New York City, New York, Stati Uniti d'America
Marito Gilbert Marito Gilbert
Nato:22 giugno 1964
Morte:23 luglio 2016, Ellenville, New York, USA (pugnalato)
Gabriel Byrne nel ruolo di Richard Dormer Gabriel Byrne
Nato:12 maggio 1950
Luogo di nascita:
Dublino, Irlanda
Il commissario di polizia della contea di Suffolk Richard Dormer Il commissario di polizia Richard Dormer
Sarah Wisser nel ruolo di Shannan Gilbert Sarah Wisser Shannan Gilbert Shannan Gilbert
Nato:24 ottobre 1986
Luogo di nascita:Lancaster, Pennsylvania, USA
Morte:2010, vicino a Oak Beach, Babylon, contea di Suffolk, USA
Thomasin McKenzie nel ruolo di Sherre Gilbert Thomasin McKenzie
Nato:Luglio 2000
Luogo di nascita:
Wellington, Nuova Zelanda
Sherre Gilbert Sherre Gilbert
Oona Laurence nel ruolo di Sarra Gilbert Oona Laurence
Nato:1 agosto 2002
Luogo di nascita:
New York City, New York, Stati Uniti
Sarra Elizabeth Gilbert Sarra Gilbert
Nato:17 gennaio 1989
Luogo di nascita:USI

Condannata a 25 anni per aver ucciso sua madre nel 2016.
Reed Birney nel ruolo del Dr. Peter Hackett Reed Birney
Nato:11 settembre 1954
Luogo di nascita:
Alexandria, Virginia, Stati Uniti
Dr. Charles Peter Hackett Dr. Peter Hackett
Nato:24 gennaio 1956

Mari Gilbert ha intentato una causa per omicidio colposo contro di lui nel 2012.
Lola Church nel ruolo di Kim Overstreet Lola Kirke
Nato:27 settembre 1990
Luogo di nascita:
Westminster, Londra, Inghilterra, Regno Unito
Kimberly Overstreet Kimberly Overstreet

Sorella della vittima Amber Costello
James Hiroyuki Liao nel ruolo di Michael Pak James Hiroyuki Liao
Nato:6 febbraio 1976
Luogo di nascita:
Bensonhurst, Brooklyn, New York, Stati Uniti
Michael, signore Michael, signore

Autista di Shannan Gilbert

Mettere in discussione la storia:

La figlia di Mari Gilbert, Shannan, era una lavoratrice di scorta?

Sì. La sua vita, insieme alle vite di altre quattro prostitute assassinate dal serial killer di Long Island (LISK), viene raccontata in Robert Kolker New York Times il più venduto Lost Girls , su cui si basa il film Netflix. Il Lost Girls la storia vera rivela che, come nel film, la vera Shannan Gilbert era una escort che faceva pubblicità tramite Craigslist e aveva incontrato un cliente nella gated community di Oak Beach prima della sua morte.

Libro delle ragazze perduteLost Girls: un mistero americano irrisolto di Robert Kolker è stata la base per il film.




Shannan Gilbert ha chiamato i servizi di emergenza prima di morire?

Sì. La chiamata sembra essere ritratta accuratamente nel film. Secondo la polizia, Shannan ha detto ai centralinisti del 911: 'Stanno cercando di uccidermi'. Nonostante ciò, la polizia alla fine ha creduto che fosse caduta accidentalmente e annegata nella palude, una teoria che sembrava meno probabile dopo che un'autopsia indipendente suggeriva lo strangolamento come possibile causa di morte. Anche dieci anni dopo la sua morte, la polizia ha rifiutato di rilasciare l'audio o la trascrizione della chiamata al 911 di Shannan Gilbert, affermando che fa parte di un'indagine in corso.

Nel 2018, un giudice ha stabilito che il dipartimento di polizia della contea di Suffolk deve produrre la registrazione o la trascrizione, dando loro 20 giorni per farlo. La polizia ha presentato ricorso contro la sentenza, sostenendo che potrebbe mettere a repentaglio un'indagine in corso. Questo ha poco senso dato che la polizia del Suffolk aveva già sostenuto che la morte di Shannan Gilbert era accidentale e non correlata agli omicidi del serial killer di Long Island.



Davvero la polizia ha impiegato quasi un'ora per rispondere alla chiamata del 911 di Shannan Gilbert?

Sì. Shannan (nella foto sotto) ha effettuato la chiamata al 911 dall'interno della casa dell'uomo che l'ha assunta, Joseph Brewer, alle 4:51, ma la polizia non è arrivata nella comunità di Oak Beach fino alle 5:40, quasi un'ora. dopo. Il personaggio di Amy Ryan incolpa il dipartimento di polizia della contea di Suffolk per questo, così come la vera Mari Gilbert. Tuttavia, il dipartimento di polizia ha detto che non poteva rispondere perché Shannan non avrebbe detto agli addetti ai servizi di emergenza dove si trovava quando glielo hanno chiesto. In effetti, poiché non avevano una posizione, gli spedizionieri presumibilmente trasferirono la chiamata di 23 minuti alla Polizia di Stato di New York. Secondo l'ex capo degli investigatori della contea di Suffolk Dominick Varrone, non sapevano nulla della chiamata di Shannon per quasi un mese. Fu allora che la chiamata di Shannan fu collegata al rapporto sulle persone scomparse che la sua famiglia aveva presentato nel New Jersey.

La vera morte di Shannan GilbertLa polizia non ha ancora rilasciato la vera chiamata al 911 di Shannan Gilbert.
La chiamata al 911 che ha portato la polizia alla comunità di Oak Beach è stata fatta da Gus Colletti alle 5:21 del mattino dopo che Shannan aveva bussato alla sua porta gridando aiuto. Quando Colletti la fece sedere e le disse che aveva chiamato la polizia, Shannan si alzò e fuggì. Poi è finita a casa di Barbara Brennan, bussando alla sua porta. Anche la signora Brennan ha chiamato i servizi di emergenza sanitaria. Se quello che dice il capo degli investigatori è vero, la polizia ha impiegato circa 20 minuti per rispondere alla chiamata di Colletti. Sono arrivati ​​più di 45 minuti dopo che Shannan Gilbert ha chiamato il 911.



Un agente di polizia è inciampato accidentalmente sulla prima serie di resti dopo essersi fermato per far uscire il suo cane e andare in bagno?

No. Almeno non secondo il dipartimento di polizia della contea di Suffolk, che ha detto di aver incorporato esercizi di addestramento per cani nella loro ricerca dell'area intorno all'ultimo luogo conosciuto di Shannan Gilbert. Durante uno di questi esercizi canini effettuato l'11 dicembre 2010, una serie di resti scheletrici è stata trovata nelle vicinanze di Gilgo Beach al largo di Ocean Parkway. Erano i resti di Melissa Barthelemy, la prima delle vittime del Gilgo Beach Killer ad essere scoperta. Questo è diverso dal film, che trova un ufficiale canino che sembra essere di pattuglia di routine fermandosi inaspettatamente dopo aver realizzato che il suo cane ha bisogno di andare in bagno. Il cane corre tra i cespugli e per caso scopre i resti di Barthelemy.



Quante figlie aveva la vera Mari Gilbert?

Nella ricerca di Lost Girls storia vera, abbiamo appreso che oltre a Shannan, Mari aveva altre tre figlie, Sherre, Sarra e Stevie, anche se solo Sherre e Sarra sono raffigurate nel film Netflix. La vera Mari Gilbert e sua figlia Shannan sono nella foto sotto.

Mari Gilbert e figlia Shannan GilbertMari Gilbert (a sinistra) e sua figlia Shannan Gilbert (a destra)




Quando sono avvenuti gli omicidi dei serial killer di Long Island nella vita reale?

Gli omicidi nella vita reale sono avvenuti nell'arco di circa 15 anni, dal 1996 al 2010 circa, ma forse fino al 2013.



Quante persone ha ucciso il serial killer di Long Island?

Si ritiene che l'assassino non identificato abbia ucciso da 10 a 16 persone, principalmente prostitute. Nell'aprile 2011, la polizia aveva scoperto i resti di 10 vittime nelle vicinanze di Gilgo Beach, coprendo una distanza di circa sette miglia lungo Ocean Parkway. Le vittime includevano otto donne, un uomo asiatico vestito con abiti femminili e un bambino (la madre del bambino era una delle donne). Cinque dei corpi sono stati identificati, tra cui Megan Waterman, Jessica Taylor, Melissa Barthelemy, Maureen Brainard-Barnes e Amber Lynn Costello. A causa della posizione dei resti, l'assassino è stato anche soprannominato Gilgo Beach Killer.

Identificate le vittime di serial killer di Long IslandLe vittime del serial killer di Long Island che sono state identificate, tra cui Shannan Gilbert, che potrebbe essere stata o meno una delle vittime del serial killer.




Mari Gilbert ha davvero unito le forze con le madri e le sorelle delle altre vittime?

Sì. Come il personaggio interpretato da Amy Ryan, Mari ha conosciuto i familiari delle altre vittime. Ha infatti partecipato a una veglia a Oak Beach con loro. È anche vero che all'inizio si sentiva superiore a loro, soprattutto perché credeva che Shannan fosse ancora viva e non fosse come le altre ragazze. Credeva che Shannan avrebbe reagito e non avrebbe dovuto essere etichettato come una vittima. Sembra che il rapporto di Mari con le donne fosse un po 'più instabile a volte nella vita reale. Tuttavia, ha creato una pagina Facebook per loro per comunicare e sostenersi a vicenda. Molti dei membri della famiglia delle vittime sono raffigurati nel film, tra cui Lorraine, Missy, Lynn e Kim.



Il dottor Peter Hackett, residente a Oak Beach, ha chiamato la madre di Shannan due giorni dopo la sua scomparsa?

Sì. Nonostante il rifiuto iniziale del dottor Charles Peter Hackett di effettuare la chiamata, i tabulati telefonici in seguito hanno dimostrato che era successo. La madre di Shannan Gilbert, Mari, ha detto che durante la chiamata Hackett, un ex medico di polizia, le ha detto che gestiva una casa di accoglienza per persone che volevano lasciare la strada e che Shannan era lì ma era partita con il suo autista. Mari dice che Hackett ha affermato di essere preoccupato per Shannan e ha detto che le aveva dato dei farmaci per calmarla. Quando Mari gli ha chiesto come avesse ottenuto il suo numero, Hackett le ha detto che richiedeva a chiunque fosse venuto a casa sua di fornirgli le informazioni di contatto di emergenza. Tuttavia, quando le sorelle di Shannan si recarono a Oak Beach, Hackett raccontò loro una storia diversa. Non solo ha negato di aver mai visto Shannan, ha negato di aver chiamato Mari. Tre giorni dopo la sua prima chiamata, ha fatto una seconda chiamata a Mari, questa volta dicendole che non aveva mai incontrato Shannan e che non aveva fatto la chiamata precedente.

Peter Hackett e Reed Birney in Lost Girls Il dottor Peter Hackett nella vita reale e Reed Birney nei panni di Hackett nella Lost Girls
Dopo che i tabulati telefonici sono stati resi pubblici, Hackett ha finalmente ammesso di aver chiamato la madre di Shannan Gilbert, ma afferma di averlo fatto più tardi nella settimana su richiesta degli amici che la stavano cercando. Quando affrontato da Mari, Hackett ha negato di aver mai incontrato Shannan e ha affermato di non aver mai detto a Mari che aveva una riabilitazione. Fino alla sua morte, Mari credeva che Hackett fosse il principale sospettato della morte di sua figlia. In effetti, ha intentato una causa per omicidio colposo contro Hackett nel novembre 2012, affermando che aveva portato uno Shannan spaventato nella sua casa e somministrato droghe per calmarla, che alla fine sono stati il ​​catalizzatore della sua morte. La polizia del Suffolk ha affermato che Hackett era un individuo a cui piaceva essere coinvolto e inserirsi negli eventi, ma non lo consideravano un sospetto. Inoltre, hanno notato che sua moglie e due figli erano a casa in quel momento. La zona paludosa in cui è stato trovato il corpo di Shannan Gilbert non era davvero lontana dal cortile di Hackett.




Mari Gilbert aveva davvero affidato sua figlia Shannan?

Sì. Il Lost Girls La storia vera di Netflix conferma che Mari aveva affidato Shannan in affidamento quando Shannan era più giovane.


Mari Gilbert e Amy RyanLa vera Mari Gilbert (a sinistra) e l'attrice Amy Ryan (a destra) nei panni di Gilbert nel film Netflix.



I resti di Shannan Gilbert sono stati ritrovati più di un anno dopo la sua scomparsa?

Sì. Nella vita reale, Shannan è scomparsa il 1 ° maggio 2010. I suoi resti non sono stati trovati fino al 13 dicembre 2011, circa un anno e mezzo dopo.



Mari Gilbert ha supportato il libro su cui si basa il film?

No. Robert Kolker, autore di Lost Girls: un mistero americano irrisolto , dice di aver ricevuto un'e-mail pungente da Mari Gilbert in merito al suo libro più venduto. 'Non posso credere a tutte le BUGIE che hai scritto sulla mia famiglia e su me. Dovresti vergognarti di te stesso', ha dichiarato Gilbert in un'e-mail del 2013. 'Come ti permetti di scrivere tale spazzatura !! Possa il karma sbatterti quando meno te lo aspetti !! ' Kolker aveva intervistato Mari per il libro e non sa perché si fosse opposta così tanto. -Il taglio



Il personaggio sessista di Dean Winters è basato su un vero detective?

No. Il personaggio di Dean Winters, Dean Bostick, che dice cose come: 'Perché non lasci che gli uomini della polizia facciano il lavoro della polizia, eh, tesoro?' e 'Voglio dire, onestamente, chi passa così tanto tempo a cercare una prostituta scomparsa?', non è basato su un vero detective. Il poliziotto sciovinista è stato creato per incarnare gli atteggiamenti di alcuni nelle forze dell'ordine che si trascinavano i piedi quando si trattava di risolvere il caso.

Dean Winters Lost Girls Character Detective Dean BostickIl personaggio di Dean Winters, il detective Dean Bostick, è interamente immaginario.




La figlia di Mari Gilbert, Sarra, era in uno stato mentale instabile quando sua sorella Shannan è scomparsa?

Il film tocca solo leggermente l'instabilità mentale di Sarra Gilbert, mostrando sua madre che le dà le medicine. L'autore Robert Kolker, che ha scritto il libro Lost Girls: un mistero americano irrisolto su cui si basa il film, ha spiegato che Sarra stava affrontando i suoi problemi da tempo. Secondo Kolker, Sarra era stata molestata dal fidanzato di sua madre, in seguito aveva abortito quando aveva 14 anni, aveva abbandonato la scuola all'età di 16 anni e poi aveva avuto un bambino con un fidanzato spacciatore che era più grande. Il suo ragazzo è stato violento e Sarra almeno una volta è finita in un rifugio per vittime di violenza domestica. Contava molto su Mari per chiedere aiuto, sia per il supporto emotivo che per prendersi cura del bambino. Quando la polizia ha scoperto il corpo di Shannan nel 2011, Sarra non è stata in grado di gestirlo e ha iniziato a comportarsi in modo irregolare.



La sorella di Shannan, Sarra Gilbert, ha ucciso la madre, Mari Gilbert?

Sì. Questo è ciò che viene affermato nel Lost Girls L'epilogo del film Netflix, ma vengono forniti pochi dettagli sulla vera storia della morte di Mari Gilbert. L'autore Robert Kolker ha spiegato che Sarra ha iniziato ad avere delusioni. Si convinse che sua madre e le sue sorelle fossero possedute dai demoni. Nel 2014, ha aggredito sua madre e sua sorella Sherre. Successivamente è entrata e uscita dagli ospedali e le è stata diagnosticata la schizofrenia. Il suo bambino le è stato portato via e invece di continuare a prendere le medicine, Sarra si è invece rivolta alla droga da strada.

Il 23 luglio 2016, Mari Gilbert, 52 anni, ha ricevuto una chiamata disperata da sua figlia. Sarra ha affermato di sentire delle voci e ha detto che aveva bisogno di aiuto. Mari andò a trovare Sarra, che abitava nello stesso condominio. Al suo arrivo, Sarra ha pugnalato sua madre 227 volte con un coltello da cucina da 15 pollici, l'ha colpita con un estintore, l'ha spruzzata con la schiuma, le ha tolto i vestiti e ha preso i suoi gioielli. Gli avvocati di Sarra hanno cercato di far valere la pazzia, ma il giudice della contea di Ulster Donald Williams non lo stava comprando, dicendo che se dipendesse da lui, Sarra avrebbe trascorso il resto della sua vita in prigione e avrebbe ricevuto il trattamento di salute mentale di cui aveva bisogno. Nessuna delle sue sorelle, Sherre o Stevie, è apparsa come testimone del personaggio per suo conto in tribunale. Alla fine, Sarra ha ricevuto una condanna a 25 anni. -Daily Freeman

Sarra Gilbert e Madre Mari Gilbert MurderSarra Gilbert (a sinistra) ha pugnalato a morte sua madre, Mari Gilbert (a destra), 227 volte in questo complesso di appartamenti.



È mai stato confermato che la morte di Shannan Gilbert fosse collegata al serial killer di Long Island?

No. L'ufficio del medico legale della contea di Suffolk ha classificato la causa della morte di Shannan come 'indeterminata'. La polizia credeva che Shannan fosse annegata accidentalmente in una zona paludosa di Oak Beach poco dopo essere stata vista per l'ultima volta correre e gridare aiuto. Tuttavia, un'autopsia indipendente ha rivelato che potrebbe essere stata strangolata.



L'assassino aveva contatti con la polizia?

Questo è ciò che viene ipotizzato nel film in una certa misura, come lo era anche nella vita reale. È stato suggerito che l'assassino potesse essere istruito nelle forze dell'ordine o avere contatti con il dipartimento di polizia, aiutandolo a evitare di essere scoperto. Ciò era dovuto principalmente al fatto che l'assassino aveva usato il cellulare di una delle sue vittime, Melissa Barthelemy, per chiamare la sua famiglia. Ha parlato con sua sorella di 15 anni, Amanda, e sua madre, Lynn, dicendo cose sessualmente esplicite ad Amanda su quello che aveva fatto a Melissa e su cosa le avrebbe fatto. Ha fatto otto chiamate in tutto, riattaccando ogni volta prima che potesse essere identificato. Sembrava sapere quali aree sarebbero state difficili da tracciare e per quanto tempo avrebbe potuto restare al telefono. Alcune delle chiamate provenivano da luoghi affollati nel centro di Manhattan: vicino alla Port Authority, Times Square e all'Empire State Building.

Nel 2016, l'ex capo del dipartimento di polizia della contea di Suffolk, James Burke, è stato condannato e condannato a quasi quattro anni di prigione federale per aver picchiato un sospetto che gli aveva rubato la cintura della pistola, un borsone pieno di giocattoli sessuali e materiale pornografico e altri oggetti. dal suo SUV. Burke ha quindi convinto altri ufficiali a mentire per lui. Una donna di nome Leanne, che ha detto di aver lavorato come escort nella contea di Suffolk, si è poi fatta avanti e ha detto di aver incontrato James Burke a una festa nello stesso quartiere in cui Shannan Gilbert era scomparsa, appena un anno dopo la scomparsa di Shannan. . Leanne ha detto che Burke l'ha fatta fare sesso violento prima di lanciarle 300 dollari. Burke aveva precedentemente rifiutato ulteriori assistenza dell'FBI nell'indagine sul serial killer di Long Island (LISK) e stava diventando chiaro il motivo. O non voleva che l'FBI scoprisse la sua corruzione, o non voleva che lo collegassero agli omicidi. L'avvocato di Burke sostiene di non aver mai avuto alcun legame con le vittime di Gilgo Beach.

James Burke, capo della polizia della contea di SuffolkL'ex capo della polizia corrotto James Burke (a destra) aveva rifiutato ulteriori aiuti dell'FBI nelle indagini. Una escort di nome Leanne (a sinistra) in seguito si è fatta avanti e ha detto di aver avuto un duro incontro sessuale con Burke nella comunità di Oak Beach dove Shannan Gilbert è scomparsa.
È stato ipotizzato che Shannan potesse essere a conoscenza dei legami dell'assassino con le forze dell'ordine, che è forse il motivo per cui è fuggita dalla porta di casa di Gus Colletti dopo che lui le aveva detto che la polizia stava andando ad aiutarla. Tuttavia, non ci sono prove a sostegno di questa teoria, a parte il fatto che la polizia non ha mai rilasciato la chiamata completa al 911 di Shannan Gilbert, che dura 23 minuti. Affermano che è una prova in un caso attivo. Tuttavia, l'avvocato della famiglia di Shannan, oltre a molti altri, ritiene che Shannan possa aver detto qualcosa sul nastro che incrimina un membro del dipartimento di polizia.



È possibile che gli omicidi di Long Island siano stati compiuti da più di una persona?

Sì. Questo è certamente possibile, dato che nella chiamata al 911 di Shannan Gilbert ha affermato: 'Stanno cercando di uccidermi'. Ciò presuppone che i 'loro' a cui si riferisce fossero anche responsabili degli altri omicidi di Long Island. È certamente possibile che la morte di Gilbert non fosse correlata al serial killer.



Il serial killer di Long Island è mai stato catturato?

L'identità dell'assassino, noto anche come Craigslist Ripper, Gilgo Beach Killer o Seashore Serial Killer, rimane un mistero. A causa del sesso delle vittime, della natura dei crimini e del fatto che ha chiamato la famiglia di una delle sue vittime, sappiamo che il sospettato non identificato è un maschio. Nel 2011, Il New York Times ha riferito che l'assassino era probabilmente un maschio bianco di età compresa tra i 20 ei 40 anni. Come nel film, si crede che conoscesse la South Shore di Long Island e avesse dei sacchi di iuta in suo possesso in cui mettere i corpi prima di sbarazzarsene. È anche possibile che sia attualmente in prigione, motivo per cui non sono stati trovati più corpi.



Chi è il più probabile sospettato di serial killer di Long Island?

Il sospetto più probabile è John Bittrolff, residente nella contea di Suffolk, che non compare nel Lost Girls film. Arrestato nel 2014, Bittrolff è stato condannato nel maggio 2017 per la morte di due vittime di omicidi prostitute, Rita Tangredi e Colleen McNamee, i cui corpi sono stati scoperti rispettivamente nel 1993 e nel 1994. I resti sono stati scoperti a Manorville, Long Island, la città in cui visse Bittrolff. Manorville è anche vicino al luogo in cui sono stati recuperati i torsi di due delle vittime dell'omicidio di Long Island, tra cui quello di Jessica Taylor e una donna non identificata. Parti dei loro corpi furono ritrovate anni dopo anche sulla spiaggia di Gilgo, collegando le due località. Un altro dettaglio che lo lega agli omicidi di Gilgo Beach è il fatto che la figlia di Rita Tangredi, una delle donne che ha ucciso, era la migliore amica della vittima di Gilgo Beach Melissa Barthelemy. Bittrolff lavorava come falegname ed era noto per aver amato cacciare e uccidere animali.

John Bittrolff Serial KillerJohn Bittrolff è il sospettato più probabile degli omicidi di Long Island.