Lone Survivor (2014)

MULINELLO FACCIA: FACCIA REALE:
Mark Wahlberg nel ruolo di Marcus Luttrell Mark Wahlberg
Nato:5 giugno 1971
Luogo di nascita:
Dorchester, Boston, Massachusetts, USA
Marcus Luttrell Marcus Luttrell
Nato:7 novembre 1975
Luogo di nascita:Houston, TX, Stati Uniti
Rango:Hospital Corpsman First Class
Taylor Kitsch nel ruolo di Michael Murphy Taylor Kitsch
Nato:8 aprile 1981
Luogo di nascita:
Kelowna, British Columbia, Canada
Michael Patrick Murphy Michael Patrick Murphy
Nato:7 maggio 1976
Luogo di nascita:Smithtown, New York, Stati Uniti
Morte:28 giugno 2005, provincia di Kunar, Afghanistan (ucciso in azione)
Rango:Tenente, comandante della squadra
Ben Foster nel ruolo di Matt Ben foster
Nato:29 ottobre 1980
Luogo di nascita:
Boston, Massachusetts, Stati Uniti
Matthew Gene Axelson Matthew 'Axe' Axelson
Nato:25 giugno 1976
Luogo di nascita:Cupertino, California, USA
Morte:28 giugno 2005, provincia di Kunar, Afghanistan (ucciso in azione)
Rango:Tecnico sonar di 2a classe
Emile Hirsch nel ruolo di Danny Dietz Emile Hirsch
Nato:13 marzo 1985
Luogo di nascita:
Palms, California, USA
Danny Phillip Dietz, Jr. Danny Dietz
Nato:26 gennaio 1980
Luogo di nascita:Aurora, Colorado, Stati Uniti
Morte:28 giugno 2005, provincia di Kunar, Afghanistan (ucciso in azione)
Rango:Gunner's Mate 2a classe
Eric Bana e Erik Kristensen Eric Bana
Nato:9 agosto 1968
Luogo di nascita:
Melbourne, Victoria, Australia
Erik Kristensen Erik S. Kristensen
Nato:15 marzo 1972
Luogo di nascita:Portsmouth, Virginia, Stati Uniti
Morte:28 giugno 2005, Afghanistan (elicottero abbattuto)
Rango:Tenente Comandante
Alexander Ludwig nel ruolo di Shane Patton Alexander Ludwig
Nato:7 maggio 1992
Luogo di nascita:
Vancouver, British Columbia, Canada
Shane Patton Shane Eric Patton
Nato:15 novembre 1982
Luogo di nascita:Boulder City, Nevada, Stati Uniti
Morte:28 giugno 2005, Afghanistan (elicottero abbattuto)
Rango:Sottufficiale di seconda classe
Ali suliman come gulab Ali Suliman
Nato:1977
Luogo di nascita:
Nazareth, Israele
Mohammad Gulab Mohammad Gulab
Yousuf Azami nel ruolo di Shah Yousuf Azami Mullah Ahmad Shah Ahmad Shah |
Nato:quella. 1970
Morte:Aprile 2008, Khyber Pakhtunkhwa, Pakistan (sparatoria con la polizia pakistana)
Avevo fatto pace con Dio molto tempo fa riguardo alla morte, ma la maggior parte delle volte non sappiamo quando moriremo. Hanno appena spento la nostra luce. È una sensazione strana quando sai che il Mietitore è alla porta. -Marcus Luttrell, 60 minuti , 8 dicembre 2013

Mettere in discussione la storia:

Il cuore di Marcus Luttrell si è davvero fermato dopo che è stato salvato?

No. Il Lone Survivor il film inizia con Marcus Luttrell (Mark Wahlberg) che si appiattisce dopo essere stato salvato. Torniamo quindi indietro di tre giorni a poco prima dell'inizio della sfortunata missione. Tuttavia, questa parte della storia vera è significativamente meno drammatica. Luttrell non era vicino alla morte quando è stato salvato e il suo cuore non ha mai smesso di battere. In realtà, lui e gli Army Rangers si sono presi del tempo per fare un lungo debriefing davanti al tè, durante il quale erano presenti anche alcuni abitanti del villaggio, incluso Gulab. Alla fine, salutano gli abitanti del villaggio e salgono a bordo dell'elicottero di salvataggio. -Lone Survivor Book




Qual era lo scopo dell'operazione Red Wings?

Lo scopo dell'operazione Red Wings, iniziata il 28 giugno 2005, è stato il primo a identificare Ahmad Shah, un leader e lealista chiave talebano che si credeva nascosto sulle pendici di una montagna chiamata Sawtalo Sar, situata nel distretto di Pech del Kunar, in Afghanistan. Provincia. Dopo che Marcus Luttrell e i suoi tre compagni SEAL hanno effettuato la loro ricognizione e sorveglianza per identificare Shah ei suoi uomini, i militari hanno potuto coinvolgere i lealisti talebani e interrompere l'attività della Milizia Anti-Coalizione (ACM) nella regione. Shah, che non faceva parte dei talebani ma cercava fedeltà con loro, è salito al potere nella regione dopo la resa forzata di un leader dell'ACM di nome Najmudeen nel 2005.

Matt Axelson e Ben Foster
Per Matthew 'Axe' Axelson (in alto) e il resto della sua squadra, la missione di sorveglianza e ricognizione si è rapidamente trasformata in una battaglia straziante, simile a quella che sopportano Ax (Ben Foster, in basso) ei suoi compagni di squadra nel Lone Survivor film.



Perché l'operazione militare è stata chiamata Operazione Red Wings?

Quando abbiamo iniziato la nostra ricerca sul Lone Survivor storia vera, è diventato subito evidente che il nome era spesso dichiarato erroneamente 'Operazione Redwing' e talvolta 'Operazione Red Wing'. L'origine del nome con errori di ortografia e pronuncia è iniziata con la pubblicazione del libro di Marcus Luttrell, Sopravvissuto solitario: il racconto del testimone oculare dell'operazione Redwing e degli eroi perduti del SEAL Team 10 , scritto da Patrick Robinson sulla base di interviste condotte con Luttrell.

Il nome Operazione Red Wings ha avuto origine da una convenzione di denominazione utilizzata dal precedente battaglione, il 3 ° Battaglione del 3 ° Marines (3/3), il cui comandante, il tenente colonnello Norman Cooling, ha chiamato le sue operazioni dopo le squadre sportive del Texas. Quando il 2 ° battaglione del 3 ° reggimento (2/3) arrivò, sviluppò ulteriormente una delle operazioni del battaglione precedente, provvisoriamente intitolata Operation Stars (dal nome della squadra di hockey dei Dallas Stars). In linea con la tradizione di utilizzare il nome di una squadra di hockey, i 2/3 hanno scelto Operation Red Wings, dal nome della squadra di hockey di Detroit Red Wings.



Il filmato dell'addestramento all'inizio del film è un vero filmato della Navy SEAL?

Sì. Il filmato dell'addestramento all'inizio del film è un filmato d'archivio commissionato dalla Marina. Il regista Peter Berg aveva bisogno di un modo per riassumere il processo di formazione e selezione descritto nel libro di Luttrell, che si estende per circa 80 pagine. -Thompson a Hollywood



Sono stati davvero individuati da tre pastori afghani?

Sì, ma a differenza del film, solo uno di loro era un ragazzo, non due. Nel confrontare il Lone Survivor storia vera rispetto al film, abbiamo appreso che i quattro membri del SEAL Team 10, tra cui il tenente Mike Murphy (interpretato da Taylor Kitsch), Hospital Corpsman 2nd Class Marcus Luttrell (interpretato da Mark Wahlberg), Gunner's Mate 2nd Class Danny Dietz ( interpretato da Emile Hirsch) e il tecnico del sonar di seconda classe Matt Axelson (interpretato da Ben Foster), sono stati scoperti in alta montagna da tre pastori locali, uno dei quali era un ragazzo di circa quattordici anni. -Lone Survivor Book

Taylor Kitsch e Mike Murphy
Come nel film, il vero tenente Mike Murphy (a destra) si è sacrificato per chiedere aiuto. È stato insignito della medaglia d'onore per la sua azione disinteressata. L'attore Taylor Kitsch (a sinistra) può essere visto indossare la riconoscibile toppa Engine 53 di Murphy nel film, un tributo ai soccorritori caduti a Ground Zero l'11 settembre.




Hanno votato se uccidere o meno i tre pastori (come illustrato nel libro di Luttrell)?

'Questo non è un voto', dice il tenente Mike Murphy (Taylor Kitsch) nel film, contraddicendo il libro di Marcus Luttrell, in cui sono raffigurati i quattro SEAL mentre votano se uccidere i tre pastori o lasciarli andare. Il 'voto' nel libro ha scatenato una notevole quantità di polemiche e dibattiti, spingendo i lettori a rivolgersi a blog e forum online per discutere le regole di coinvolgimento (ROE) e la moralità in combattimento. Alcuni hanno espresso indignazione per il fatto che il destino delle vite di tre civili sarebbe sceso a un voto, mentre altri hanno visto la loro morte necessaria per la missione e la sopravvivenza della squadra. '[Uccidere i civili] era l'antitesi totale di ogni osso del suo corpo', ha detto il padre del tenente Murphy, Dan, Le notizie del GIORNO nel 2007. Nel libro di Luttrell, l'argomento principale di Murphy per lasciarli andare era impedire ai media liberali statunitensi di attaccarli e vedere che erano accusati di omicidio.

'Mike Murphy ha preso quella decisione. Non è stato un voto ', afferma il regista Peter Berg, che ha trascorso molto tempo con Marcus Luttrell, sia sul set che prima delle riprese ( Podcast di domande e risposte di Jeff Goldsmith ). Tuttavia, va notato che nel realizzare il film, Berg aveva promesso alle famiglie dei caduti, inclusi i Murphys, che avrebbe pagato il massimo rispetto e non avrebbe fatto nulla per disonorare la memoria dei loro cari.

Il libro implica anche che il voto decisivo sia stato di Luttrell, lasciando in ultima analisi a lui la decisione, cosa che è stata anche contestata. Quel che è certo è che c'è stata una discussione durante la quale ogni SEAL ha dato i suoi due centesimi. Il comandante della missione, il tenente Mike Murphy, ha quindi preso la decisione finale di lasciare andare i tre pastori, obbedendo alle ROE (regole di ingaggio) dei militari. È certamente possibile che il ghostwriter del libro, l'autore britannico Patrick Robinson, che si era fatto un nome in parte scrivendo romanzi Navy SEAL, avrebbe potuto interpretare l'input di ogni SEAL come un 'voto' invece che come una discussione. È anche probabile che il tenente Murphy abbia dato molto valore all'opinione di Luttrell, dato che Luttrell aveva più esperienza di combattimento, ma alla fine, come comandante della missione, la decisione è stata in definitiva di Murphy e questo è in linea con ciò che il film raffigura. Guarda Luttrell opporsi a un intervistatore che crede che ci sia stata solo una decisione giusta .



I tre pastori hanno allertato i combattenti talebani?

Dato che i combattenti talebani avevano teso un'imboscata poco più di un'ora e mezza dopo che i pastori erano stati lasciati andare, non c'è dubbio che i pastori abbiano informato i talebani della posizione dei quattro Navy SEALs. È anche possibile che i militanti talebani fossero a conoscenza del fatto che i SEAL erano nell'area quasi immediatamente dopo che i SEAL erano caduti a terra. Ciò aiuterebbe a spiegare la rapidità con cui i combattenti talebani hanno organizzato l'imboscata. Non è raro che i talebani mandino anziani e bambini (i pastori) in un'area per individuare la posizione dei soldati statunitensi, soprattutto quando sanno che le regole di ingaggio statunitensi vietano l'uccisione di civili, garantendo quindi che i civili saranno in grado di tornare con la posizione dei soldati statunitensi. - Podcast di domande e risposte di Jeff Goldsmith

Danny Dietz e Marcus Luttrell
Un ferito Danny Dietz (Emile Hirsch) è aiutato da Marcus Luttrell (Mark Wahlberg) nel film (a sinistra). A destra: i veri Danny Dietz e Marcus Luttrell in Afghanistan nel 2005.




Sono stati davvero attaccati da un massimo di 200 combattenti talebani?

Il numero di combattenti nemici che hanno teso un'imboscata ai quattro SEAL (tenente Mike Murphy, Hospital Corpsman 2nd Class Marcus Luttrell, Gunner's Mate 2nd Class Danny Dietz e Sonar Technician 2nd Class Matt Axelson) è l'aspetto più discusso del libro. Nel Lone Survivor film, i SEAL subiscono un'imboscata da parte di circa 50 combattenti talebani. Tuttavia, il libro afferma che i combattenti talebani consistevano tra gli '80 e i 200 uomini armati. ' Decine di articoli su Internet dicono che nel suo After Action Report (AAR), Marcus Luttrell ha stimato che la squadra è stata attaccata da 20 a 35 combattenti nemici (Anti-Coalition Militia). Il problema qui è che nessuno degli autori di questi articoli ha effettivamente visto il rapporto AAR, che non sembra esistere online. La maggior parte fa riferimento agli articoli del giornalista e autore Ed Darack, che ha pubblicato un libro in concorso intitolato Punto vittoria .

Tuttavia, la citazione ufficiale della medaglia d'onore del tenente Michael Murphy afferma che `` tra 30 e 40 combattenti nemici hanno assediato la sua squadra di quattro membri '', che è significativamente inferiore al Lone Survivor libro. Il rapporto Summary of Action di Murphy pubblicato sul sito web della Marina elenca un numero leggermente più alto ma ancora nello stesso intervallo, riferendosi a una 'forza nemica di oltre 50 milizie anti-coalizione'. Ciò conferma più da vicino il film, oltre alle affermazioni fatte sul rapporto After Action di Luttrell. È una prova che il numero di combattenti nemici è stato probabilmente esagerato per il libro.



Quanto è durata la battaglia nella vita reale?

Dopo l'imboscata, la battaglia che ne seguì tra i quattro Navy SEALs ei lealisti talebani durò più di tre ore. Per il film, il regista Peter Berg ha condensato il combattimento in 30 sequenze o segmenti, trattandoli come una 'mini esperienza cinematografica'. -Thompson a Hollywood




I soldati sono davvero saltati giù dalle scogliere?

Sì. Secondo il Lone Survivor storia vera, Marcus Luttrell ei suoi tre compagni compagni del SEAL Team 10 non hanno avuto altra scelta che saltare dalle scogliere, facendo balzi da 20 a 30 piedi per sfuggire ai combattenti talebani che inseguivano, come mostrato nel film. -Navy.mil



Le ferite subite dai SEAL nel film sono accurate?

Sì. Il regista Peter Berg ha avuto accesso ai rapporti dell'autopsia e li ha usati per ricreare le ferite subite dai quattro Navy SEAL nel film. Berg ha anche lavorato con il reparto costumi per assicurarsi che l'abbigliamento riproducesse le ferite degli uomini nel modo più accurato possibile. -Note sulla produzione



Qual è stata l'entità delle ferite di Marcus Luttrell?

Marcus Luttrell e Rigby
Per aiutare con le sue cicatrici emotive dall'operazione Red Wings, Marcus Luttrell ha arruolato l'aiuto di un cane di servizio di nome Mr. Rigby. Il vero Marcus Luttrell ha risposto a questa domanda durante un'intervista con AOL / Moviefone. 'Ho dovuto farmi ricostruire la mano. La mia schiena è stata ricostruita. Molteplici interventi chirurgici alla schiena. Le mie ginocchia sono saltate fuori, il mio bacino è rotto, ho avuto un danno maxillo-facciale, mi sono morso la lingua a metà ... vuoi che continui ad andare avanti? ... sono stato frustato da giochi di ruolo e granate, undici colpi interi nei miei quadricipiti e polpacci, schegge che spuntavano dalle mie gambe e dappertutto. Tutta la pelle della schiena e della parte posteriore delle gambe era sparita.

Luttrell ha anche subito una frattura alla spalla, un naso rotto e sta ancora affrontando gli effetti dei batteri che erano nell'acqua che ha ingerito mentre cercava di placare la sua forte sete mentre lottava per sopravvivere ( Intervista a Ed Young ). È stato anche colpito alla schiena il giorno seguente, cosa che non viene mostrata nel film ( The Daily Beast ).

Dopo essere stato salvato, le sue ferite fisiche dall'Operazione Red Wings hanno iniziato lentamente a guarire, ma le sue ferite emotive erano molto più profonde. È tornato in servizio, prestando servizio a Ramadi, in Iraq nel 2006, solo per essere costretto a ritirarsi dopo essersi fatto saltare le ginocchia e fratturato di nuovo la colonna vertebrale durante un raid ( The Daily Beast ). Inoltre era stato ancora afflitto dalle sue precedenti ferite, che non aveva dato abbastanza tempo per guarire. Per aiutare con le sue ferite emotive e psicologiche, da allora ha arruolato l'aiuto di un cane di servizio che chiama Mr. Rigby (nella foto).



Quanti soldati sono morti durante l'operazione Red Wings?

19 soldati sono stati uccisi durante l'operazione Red Wings e uno è rimasto ferito (Marcus Luttrell). Le vittime includevano i tre Navy SEAL catturati nell'imboscata con Marcus Luttrell e altri 16 soldati statunitensi (8 Navy SEALs e 8 aviatori delle operazioni speciali dell'esercito degli Stati Uniti) che persero la vita quando il loro elicottero MH-47 Chinook fu abbattuto mentre andava in soccorso i soldati in agguato.




Il vero Marcus Luttrell ha davvero visto morire i suoi tre compagni di squadra SEAL?

Sì. Secondo Luttrell, la morte di Murphy, Dietz e Axe è avvenuta proprio come nel film. Nella vita reale, Danny Dietz è morto tra le braccia di Luttrell dopo aver subito diverse ferite da proiettile, con il colpo che lo ha ucciso lo ha colpito in faccia mentre Luttrell lo trascinava. Questo differisce in qualche modo dal film, che descrive Danny Dietz (Emile Hirsch) come ancora vivo quando i talebani lo incontrano. Lo scatto che lo uccide nel film arriva nello stesso momento in cui Murphy (Taylor Kitsch) sta morendo in cima alla roccia.

Nel libro, subito dopo che il tenente Mike Murphy è stato colpito al petto, è uscito in campo aperto, lontano dalle pareti della scogliera (che avrebbe interferito con la ricezione), si è seduto su una piccola roccia e ha chiamato HQ. Mentre era al telefono è stato colpito alla schiena, con il proiettile che gli usciva dal petto. Tuttavia, a differenza del film, si alzò in piedi e barcollò in una 'tempesta di fuoco'. Mentre sparava indietro, si arrampicò su uno 'strato di roccia' a una trentina di metri sulla montagna dove si fermò per l'ultima volta. Fu da lì che gridò aiuto a Luttrell, ma Luttrell fu bloccato e gravemente ferito. Alla fine, le urla cessarono.

Marcus Luttrell ha quindi raggiunto Ax, che era seduto in una cavità e stava lentamente morendo per una massiccia ferita alla testa, tra le altre ferite. Disse a Luttrell di dire a sua moglie Cindy che l'amava e mentre Marcus lo guardava scivolare via, una granata russa atterrò vicino a loro e fece saltare Marcus fuori dalla cavità e oltre il bordo di un burrone. Nel libro, Marcus afferma che Ax 'non avrebbe potuto sopravvivere all'esplosione'. Ciò contraddice il film, che mostra Ax che viene colpito alla testa mentre è accasciato contro un albero. -Lone Survivor Book



Il vero Marcus Luttrell ha visto l'elicottero precipitare?

No. 'Nella vita reale non lo sapevo', dice Luttrell. 'Non sapevo che fosse successo. Era verso la fine dello scontro a fuoco e io ero già strisciato in una fessura e mi ero seppellito ». -Il Daily Beast



Marcus Luttrell era davvero in grado di camminare ancora dopo la battaglia?

No. Nel film vediamo Marcus Luttrell (Mark Wahlberg) gravemente ferito che cammina seguendo la battaglia. 'Ero paralizzato dalla vita in giù', dice il vero Luttrell. 'Nel film mi hanno fatto andare in giro. Non ho camminato. Ho strisciato per oltre sette miglia quella prima notte e sono stato colpito di nuovo. -Il Daily Beast



Marcus Luttrell è stato davvero salvato da un uomo che lo nascondeva nel suo villaggio afghano?

Sì. Il Lone Survivor il personaggio del film Gulab (Ali Suliman) è basato su una persona reale che era un membro di un villaggio pashtun. Nell'assistere Luttrell, Gulab obbediva a un codice d'onore pashtun chiamato Pashtunwali. 'Il Pashtunwali è un rispetto', ha detto il vero Mohammad Gulab 60 minuti , 'un rispetto per un ospite che viene a bussare alla tua porta, e anche se ha bisogno o è in imminente pericolo, dobbiamo proteggerlo. Sapevo che dovevo aiutarlo, fare la cosa giusta, perché era molto in pericolo. ' Guarda il 60 minuti colloquio .

Marcus Luttrell e Mohammad Gulab
A sinistra: il personaggio di Mark Wahlberg è aiutato da Gulab (Ali Suliman) nel film. A destra: Luttrell con il vero Mohammad Gulab (a destra), che lo ha visitato negli Stati Uniti in diverse occasioni. Luttrell vuole che Gulab cerchi asilo per sé e per la sua famiglia.
Nella vita reale, Mohammad Gulab (nella foto con Luttrell) si è trasferito dal villaggio perché lui e la sua famiglia erano diventati i principali bersagli dei talebani. 'Hanno una taglia sulla sua testa', dice Luttrell. 'Gli hanno sparato, la sua macchina è stata fatta saltare in aria e la sua casa è stata incendiata.' Inoltre, suo cugino è stato ucciso ( 60 minuti ). Si è nascosto con sua moglie e dieci figli, ma Marcus Luttrell e il regista Peter Berg temono che il film porterà una rinnovata attenzione su Gulab da parte dei talebani. Attualmente stanno lavorando per ottenere asilo negli Stati Uniti per Gulab e la sua famiglia. Negli anni trascorsi dal salvataggio di Luttrell, Gulab ha fatto diversi viaggi negli Stati Uniti per trascorrere del tempo con il suo amico, a cui ha salvato la vita. -MensJournal.com



Per quanto tempo Gulab ha nascosto il vero Marcus Luttrell?

Anche se il tempo trascorso sembra piuttosto breve nel film, il file Lone Survivor La storia vera rivela che il vero Gulab ha nascosto Marcus Luttrell per quattro giorni, spostandolo di casa in casa nel suo villaggio pashtun e persino in una grotta per evitare i talebani. 'I talebani sono venuti e si sono seduti con me', dice il vero Mohammad Gulab. 'Ho detto,' No, non lo consegnerò a te. ' ... Mi hanno detto: 'Morirai. Tuo fratello morirà. I tuoi cugini moriranno. Tutta la tua famiglia morirà. Non ne vale la pena. Dacci l'americano ', e io dissi:' No, lo proteggerò fino alla fine '. Come nel film, Luttrell è stato finalmente salvato dalle forze statunitensi che avevano perlustrato le montagne da quando si era nascosto. . -60 minuti



Marcus Luttrell è stato quasi decapitato dai combattenti di Ahmad Shah?

No. Nel film, vediamo Luttrell (Mark Wahlberg) trascinato su un tronco dove i soldati di Shah intendono decapitarlo. Tuttavia, proprio mentre sollevano il machete su Luttrell, gli abitanti del villaggio arrivano con le pistole e lo salvano. Nella vita reale, questa scena di suspense non è mai avvenuta. Nel libro, otto combattenti talebani hanno fatto irruzione nella stanza e hanno picchiato Luttrell, rompendogli le ossa del polso. Lo hanno interrogato per sei ore, ma hanno solo minacciato di decapitarlo dicendogli che avevano preso le teste dei suoi compagni di squadra e lui era il prossimo. Alla fine arrivò un anziano del villaggio che proibì ai talebani di portare via Luttrell.



Un bambino ha davvero aiutato a salvare Luttrell dandogli un coltello?

No. Nel film, un ferito Luttrell (Mark Wahlberg) viene strangolato da un soldato talebano ma viene salvato quando il figlio di Gulab, un ragazzino, gli dà un coltello. Quindi accoltella ripetutamente il suo aggressore per sottometterlo e sopravvivere. Nella vita reale, questa scena non è mai avvenuta. In effetti, l'intero attacco al villaggio alla fine è una finzione hollywoodiana. -Lone Survivor Book



Le forze statunitensi dovevano davvero impedire ai talebani di attaccare il villaggio come alla fine del film?

No. Nel film, elicotteri e aerei statunitensi ingaggiano i talebani, che stanno attaccando il villaggio pashtun alla ricerca di Luttrell (Mark Wahlberg). Dopo che la casa di Gulab è stata fatta saltare in aria, Gulab viene colpito alla schiena durante il combattimento. I soldati statunitensi alla fine vengono in soccorso, irrompendo nel villaggio per localizzare Luttrell e portarlo in salvo. L'intera battaglia non è mai avvenuta. Nella vita reale, Mohammad Gulab non è stato colpito alla schiena, né la sua casa è stata distrutta da un gioco di ruolo quando lui e Luttrell erano dentro. La vera storia ci insegna che i ranger dell'esercito e le forze speciali afghane hanno effettivamente salvato Luttrell nei boschi quando Gulab e diversi abitanti del villaggio stavano cercando di portare Luttrell in un luogo sicuro. -Lone Survivor Book



Cosa è successo ad Ahmad Shah, il leader nemico che i SEAL stavano cercando?

Nell'aprile 2008, Ahmad Shah (noto anche come comandante Ismail) è stato ucciso durante una sparatoria con la polizia pakistana a Khyber Pakhtunkhwa, in Pakistan, dopo non essersi fermato a un posto di blocco vicino al confine afghano. Shah stava tentando di portare di nascosto un lavoratore a giornata afgano rapito sul lato afghano del confine, dove sarebbe stato poi portato in un nascondiglio di ribelli. -Il lungo diario di guerra



Marcus Luttrell si è ritirato dall'esercito dopo l'operazione Red Wings?

No. Dopo aver lavorato con il ghostwriter Patrick Robinson su Lone Survivor libro, e allo stesso tempo partecipando alla terapia fisica per le lesioni subite durante l'Operazione Red Wings, Marcus Luttrell è tornato in Iraq, impegnandosi in combattimenti urbani ad alta intensità nella città ostile di Ramadi, la capitale della provincia dilaniata dalla guerra di Anbar ( Servizio: A Navy SEAL at War ). Mentre tornava in Iraq, Luttrell è stato ferito di nuovo, gonfiandosi le ginocchia e fratturandosi la spina dorsale durante un raid ( The Daily Beast ). Inoltre, le sue ferite dovute all'operazione Red Wings non avevano avuto abbastanza tempo per guarire. Di conseguenza, ha lasciato la Marina nel 2007 ed è stato ufficialmente ritirato dal servizio medico nel 2009. -Military.com



Cosa ha fatto Marcus Luttrell dal suo ritiro dall'esercito?

Famiglia Marcus Luttrell
Marcus Luttrell con la moglie Melanie e i figli Ax e Addie nel 2013. Oltre a lavorare a stretto contatto con il regista Peter Berg sul Lone Survivor film, il vero Marcus Luttrell si è sposato nel 2010 e lui e sua moglie Melanie hanno tre figli, un ragazzo di nome Axe (dal nome del compagno di squadra caduto di Luttrell Matt 'Ax' Axelson) nato nel 2011, una ragazza, Addie, nata nel 2012, e un figlio adolescente che era di Melanie da una precedente relazione.

Luttrell è stato coautore di un secondo libro, Servizio: A Navy SEAL at War , pubblicato nel maggio 2012, in cui Luttrell condivide alcune delle sue storie di combattimento, oltre alle storie di altri SEAL. Nel 2010, ha fondato la Lone Survivor Foundation per 'ripristinare, potenziare e rinnovare la speranza per i nostri membri del servizio feriti e le loro famiglie attraverso la salute, il benessere e il supporto terapeutico'. Nel 2013 ha fondato il Patriot Tour con molti altri veterani e oratori. Durante il tour Marcus condivide le storie della sua vita come SEAL, inclusa l'operazione Red Wings e il suo viaggio da allora, come dover sopportare che gli venisse detto che non era idoneo dal punto di vista medico a continuare a servire come Navy SEAL.



Dov'era Lone Survivor girato?

Per replicare l'aspra catena montuosa dell'Hindu Kush della provincia afghana di Kunar, i realizzatori si sono diretti nel New Mexico, girando sul posto nelle montagne del Sangre de Cristo della Santa Fe National Forest. Parti della battaglia e le scene per il villaggio Shah e il villaggio Pashtun sono state ricreate sul terreno meno pericoloso di Chilili, New Mexico. Ulteriori riprese si sono svolte nella base dell'aeronautica militare di Kirtland ad Albuquerque, così come nei palcoscenici degli I-25 Studios di Albuquerque. -Note sulla produzione



I realizzatori hanno avuto il sostegno dei militari e delle famiglie dei caduti?

Sì. 'La mia ricerca è iniziata incontrando le famiglie dei SEAL che sono stati uccisi', afferma il regista Peter Berg. 'Sono andato a New York e ho incontrato i Murphys. Sono andato in Colorado e ho incontrato i Dietz, e sono andato nella California settentrionale e ho incontrato gli Axelsons. Dopo aver passato del tempo con loro, ti rendi conto che questi ragazzi erano i migliori e i più brillanti; erano le star delle famiglie. Il dolore e le ferite sono ancora molto ferite. Dovresti essere disumano per non sentire la responsabilità quando quel tipo di dolore viene condiviso con te. ... Ho visitato la casa di Dietz e il signor Dietz mi ha portato nella camera da letto di Danny, che ha tenuto. Era la stanza di un adolescente, ma aveva costruito questa teca di vetro e dentro c'era l'uniforme di Danny con i fori dei proiettili e il sangue sopra, così come la sua pistola, l'elmo e gli stivali ». Guarda le famiglie condividere i loro pensieri sul film .

Prima delle riprese, il regista Berg, che aveva già lavorato con la Marina nel suo film del 2012 Corazzata , ha viaggiato in Medio Oriente ed è stato incorporato con un plotone SEAL in Iraq vicino al confine siriano. Ha trascorso un mese con una squadra di 15, accompagnando i soldati nelle pattuglie notturne e osservando come operavano. Il sopravvissuto Marcus Luttrell ha anche insistito per trasferirsi a casa di Peter Berg per un mese per assicurarsi che il regista sapesse esattamente cosa accadde sulla montagna. -Note sulla produzione

Durante le riprese, i Navy SEAL erano sempre sul set e hanno agito come consulenti durante i 43 giorni di riprese. Marcus Luttrell era presente per gran parte delle riprese. -Thompson a Hollywood



Il vero Marcus Luttrell ha un cameo nel film?

Sì. Il vero Marcus Luttrell fa un'apparizione significativa in almeno due scene del film, sebbene sia presente anche in altre. Appare per la prima volta come uno dei soldati al tavolo che sta scherzando con il rookie SEAL Shane Patton (Alexander Ludwig) prima della missione (Luttrell è colui che fa cadere la bevanda e dice scherzosamente al personaggio di Ludwig che la sua nuova missione o 'op' è per ripulire il casino).

Marcus Luttrell Cameos Lone Survivor
Il vero Luttrell ha due cammei significativi (tra pochi altri). Può essere visto all'inizio del film seduto a un tavolo da picnic con Taylor Kitsch (a sinistra). Può anche essere visto sull'elicottero Chinook appena prima che venga abbattuto (a destra).
Luttrell appare in seguito come uno dei 16 soldati a bordo del condannato elicottero Chinook che è stato inviato per salvarlo (nella foto, a destra). La telecamera si ferma su di lui e su diversi SEAL della vita reale appena prima che la granata a propulsione dei talebani entri nell'elicottero attraverso una porta aperta. 'Ero dall'altra parte della montagna quando quei ragazzi sono venuti ad aiutarmi', dice Luttrell della sua esperienza di vita reale, 'quindi morire sull'elicottero nel film è stato un momento molto potente per me.' -MensJournal.com