Argo (2012)

MULINELLO FACCIA: FACCIA REALE:
Ben affleck Ben affleck
Nato:15 agosto 1972
Luogo di nascita:
Berkeley, California, USA
Antonio Mendez Antonio 'Tony' Mendez
Nato:1940

Identità di copertina: Direttore di produzione
John Goodman John Goodman
Nato:20 giugno 1952
Luogo di nascita:
St. Louis, Missouri, Stati Uniti
John Chambers John Chambers
Nato:12 settembre 1922
Luogo di nascita:Chicago, Illinois, USA
Morte:25 agosto 2001, Woodland Hills, California, USA (complicanze del diabete)
Tate Donovan Tate Donovan
Nato:25 settembre 1963
Luogo di nascita:
Tenafly, New Jersey, Stati Uniti
Bob Anders Bob Anders
Nato:1925

Identità di copertina: regista
John Scoot McNairy Scoot McNairy
Nato:11 novembre 1977
Luogo di nascita:
Dallas, Texas, Stati Uniti
Joseph Stafford Joseph Stafford

Identità di copertina: produttore associato
Kerry Bishé Kerry Bishé
Nato:1 maggio 1984
Kathleen Stafford Kathleen Stafford
Nato:1951

Identità di copertina: Direttore artistico
Christopher Denham Christopher Denham
Nato:1980
Mark Cure Mark Cure
Nato:1951
Luogo di nascita:Detroit, Michigan, Stati Uniti

Identità di copertina: coordinatore dei trasporti
Clea DuVall Clea DuVall
Nato:25 settembre 1977
Luogo di nascita:
Los Angeles, California, USA
Cora Cure Cora Cure
Nato:13 maggio 1954
Luogo di nascita:Giappone

Identità di copertina: sceneggiatore
Rory Cochrane Rory Cochrane
Nato:28 febbraio 1972
Luogo di nascita:
Syracuse, New York, Stati Uniti
Lee Schatz Henry 'Lee' Schatz
Nato:5 marzo 1948

Identità di copertina: Cameraman
Mentre il film presenta una miriade di complicazioni drammatiche e colpi di scena dell'ultimo minuto, il piano in realtà è andato senza intoppi. Il che non vuol dire che la nostra situazione fosse priva di drammi della vita reale, ma solo che la maggior parte di essi è avvenuta prima dell'arrivo di Mendez. - Mark Lijek (COM) Slate.com , 18 ottobre 2012)

Mettere in discussione la storia:

Quando l'ambasciata americana è stata superata, i sei diplomatici statunitensi sono andati davvero direttamente alla residenza dell'ambasciatore canadese?

No. Il Argo la storia vera rivela che gli americani hanno tentato per la prima volta di raggiungere a piedi il complesso dell'ambasciata britannica che era a 20 minuti di distanza.Roger Zelazny Lord of Light Book
L'attore Victor Garber (a sinistra) interpreta l'ambasciatore canadese Ken Taylor (a destra). Bloccati da una manifestazione, si sono invece recati nell'appartamento di Bob Anders che era lì vicino. A quel tempo, c'erano solo cinque di loro (Lee Schatz si unì al gruppo una settimana dopo, dopo essersi nascosto con gli svedesi). La settimana successiva hanno cambiato posizione cinque volte a causa di problemi di sicurezza e persone di cui non potevano fidarsi completamente, finendo infine a casa del vice capo missione canadese, John Sheardown. Fu lì che incontrarono l'ambasciatore canadese Ken Taylor, interpretato da Victor Garber nel film Argo film. In realtà, Joe e Kathy Stafford andarono a soggiornare presso la residenza dell'ambasciatore canadese, mentre gli altri quattro rimasero da John Sheardown con John e sua moglie Zena. John e Zena non sono raffigurati nel film. -Slate.com




Tony ha davvero inventato la storia di copertina?

Sì, Tony ha pensato lui stesso all'angolo di Hollywood una notte mentre era a casa nel Maryland a fare i bagagli. In passato aveva lavorato con molti consulenti nell'industria dell'intrattenimento, incluso un pluripremiato esperto di trucco di nome John Chambers (il personaggio di John Goodman nel film). Tony è rimasto in stretto contatto con Chambers, che lo ha consigliato mentre sviluppava la storia di copertina che coinvolgeva i sei americani che lasciavano l'Iran come parte di una società di produzione cinematografica che aveva esplorato i luoghi delle riprese nel paese. -CIA.gov



La CIA ha davvero creato una società di produzione di film falsi?

Sì. Come nel film, si chiamava Studio Six Productions. Gli uffici di produzione dell'azienda erano situati nel lotto Columbia a Hollywood. L'attore Michael Douglas aveva appena lasciato gli uffici dopo aver terminato la produzione La sindrome della Cina . -CIA.gov



Poster del film Argo
Argo lo script era basato su Signore della luce libro.Tony ha effettivamente usato una vera sceneggiatura di Hollywood per creare la storia di copertina?

Sì. Tony e John Chambers (John Goodman nel film) hanno scelto la sceneggiatura da una pila di manoscritti che erano stati precedentemente presentati a Chambers per la sua considerazione. Basato sul pluripremiato romanzo di fantascienza di Roger Zelazny del 1967 Signore della luce , la sceneggiatura è stata scelta in parte perché era complicata e difficile da seguire. Ha anche celebrato l'Islam in una certa misura. Questi due attributi, insieme alla crescente popolarità dei film di fantascienza dopo il successo di Guerre stellari , lo ha reso una scelta eccellente. -CIA.gov



La frase 'Argo f ** k te stesso' era davvero uno scherzo all'epoca?

Sì. Tony afferma che John Chambers (John Goodman nel film) una volta ha raccontato una volgare barzelletta che aveva la frase 'Argo f ** ck yourself' come battuta finale. Il team della CIA di Tony ripeteva spesso la linea come un modo per rompere la tensione quando erano stressati e lavoravano per lunghe ore. John Chambers ha ricordato di aver raccontato la barzelletta e ha ricordato il significato dietro il nome 'Argo'. -CIA.gov




Da dove viene il titolo 'Argo'?

Il titolo 'Argo' che Tony e John Chambers hanno dato alla sceneggiatura proveniva dalla mitologia greca, in particolare è il nome di Giasone e della nave degli Argonauti che hanno navigato verso il giardino sacro per salvare il vello d'oro dalle grinfie di molti- drago dalla testa. 'Questo descriveva precisamente la situazione in Iran', afferma Tony. -CIA.gov



Hanno davvero pubblicato un annuncio a tutta pagina in Varietà dare credibilità al finto film?

Arte di concetto di Jack Kirby Argo
Argo locandina del film che appariva come annuncio a tutta pagina in Varietà . Sì. Al fine di aggiungere credibilità alla falsa produzione, il team di Tony, lavorando in segreto insieme ai suoi consulenti di Hollywood, ha organizzato la visualizzazione di annunci a tutta pagina in Varietà e The Hollywood Reporter , due pubblicazioni commerciali di tutto rispetto. L'annuncio effettivo è raffigurato a destra. -CIA.gov

Il giorno prima che la società di produzione falsa tirasse fuori l'annuncio a tutta pagina per Argo , Varietà ha pubblicato il seguente blurb sulla società e il suo progetto nella sua raccolta Pix, People, Pickups, 'Studio Six Prods. ha annunciato che le riprese del thriller fantascientifico 'Argo' inizieranno a marzo in varie località in Asia ed Europa. Indie tiene sotto controllo qualsiasi trama e dettagli del cast fino a poco prima dell'uscita della foto. ' -Variety.com




John Sheardown e sua moglie Zena Sheardown
Il famoso disegnatore di fumetti Jack Kirby's Argo opere d'arte di concetto.I disegni dello storyboard sono stati davvero creati per il film falso?

Sì, gli storyboard sono stati creati, ma la vera storia dietro Argo rivela che Tony Mendez non li ha mai dati agli ufficiali all'aeroporto ( Argo: Inside Story ). Vari pezzi di concept art per il film esistono ancora oggi e sono apparsi in mostra in mostre relative alle spie negli Stati Uniti. Il concept art è stato creato dall'artista di fumetti di fama mondiale Jack Kirby. Un pezzo di questo Argo il concept art è mostrato a sinistra. -Wired.com



In che modo la CIA ha portato in Iran la falsa documentazione per i sei americani?

Il team della CIA lo ha inviato tramite borsa diplomatica all'ambasciata canadese a Teheran, in Iran. Gli specialisti della CIA, che fingevano di far parte del team di Studio Six Production, si sono recati in Iran per prendere accordi finali e completare i documenti di viaggio. -CIA.gov




Tony Mendez ha davvero usato l'alias 'Kevin Harkins' come copertina?

Sì. Durante l'operazione, l'alias completo di Tony era 'Kevin Costa Harkins'. La sua occupazione da copertina era quella di 'direttore di produzione' per una troupe cinematografica che era in Iran alla ricerca di possibili location per le riprese del loro prossimo film Argo . -SpyMuseum.org



Tony Mendez ha davvero incontrato i sei americani da solo?

No. Il vero Tony Mendez ha lavorato con un altro OTS (Office of Technical Services) Officer, un funzionario di autenticazione latinoamericano che lui chiama 'Julio', che aveva una notevole esperienza di esfiltrazione ( CIA.gov ). Ha avuto anche altri contatti aiutandolo durante la fuga all'aeroporto di Teheran ( Argo: Inside Story ).



Tony ha davvero incontrato i sei a casa dell'ambasciatore canadese Ken Taylor?

Governante di Argo e governante della vita reale Lolita
John Sheardown e sua moglie Zena hanno nascosto quattro dei sei americani. No. Tony e il suo partner 'Julio' hanno incontrato i sei a casa del vice capo missione canadese, John Sheardown. Come affermato in precedenza, Joe Stafford e sua moglie Kathy erano gli unici a rimanere con l'ambasciatore canadese. Il resto rimase con John Sheardown e sua moglie Zena (non sono rappresentati nel Argo film). L'ambasciatore canadese Taylor, interpretato da Victor Garber nel film, ha portato con sé gli Staffords per l'incontro. -CIA.gov



Joe Stafford è davvero diventato ansioso per il piano?

Sì. Nel film, Joe Stafford (interpretato dall'attore Scoot McNairy) esprime un po 'di ansia e riluttanza per quanto riguarda il piano proposto da Tony di far fingere il gruppo come membri di una società di produzione cinematografica. Il vero Tony Mendez afferma che mentre discutevano dei meccanismi della fuga, Joe ha espresso ansia per i rischi coinvolti. -CIA.gov




Dovevano davvero avventurarsi in città per esplorare una possibile posizione?

No. Nel film, Tony (Ben Affleck) e i sei non hanno altra scelta che incontrare due uomini associati all'ufficio cinematografico iraniano. Guidano in città e si avventurano in un mercato dove un uomo più anziano affronta Kathy Stafford (Kerry Bishé) per aver scattato delle foto Polaroid. Le urla e afferma che suo figlio è stato ucciso da una pistola fornita dall'America. La vera storia dietro il Argo il film rivela che questo non è mai realmente accaduto, né si sono mai avventurati in città per esplorare un luogo. -CIA.gov



La governante del film era basata su una persona reale?

Biglietto da visita Studio 6
Sheila Vand (a sinistra) nei panni di Sahar nel film e la vera cameriera di nome Lolita (a destra). Sì. La governante nel film di nome Sahar (Sheila Vand) è basata in gran parte sulla governante di John Sheardown, una donna filippina di nome Lolita, che non ha rivelato il segreto su John e sui nuovi ospiti di sua moglie, nonostante conoscesse la verità. John e sua moglie, che hanno protetto quattro dei sei americani, non sono rappresentati nel film. L'ambasciatore canadese Ken Taylor e sua moglie Pat hanno nascosto gli Staffords. Pat ha detto ai loro servi che la coppia era un turista in visita in Iran per un breve periodo e che erano amici di suo marito. -Canadian Caper, documentario PBS



Hanno davvero sentito un elicottero librarsi sopra la casa come nel film?

Sì. Quando è stata intervistata sulla vera storia, la moglie di John Sheardown, Zena, ricorda un elicottero che ha sorvolato la loro casa per un bel po 'di tempo, il che ha causato notevole preoccupazione, credendo che gli iraniani lo avessero scoperto e stessero cercando la loro casa. A differenza di quanto mostrato nel film (o in questo caso non mostrato nel film), hanno poi scoperto che la polizia stava cercando un uomo armato iraniano che ha assassinato un leader religioso in quella zona. Per ribadire, John e sua moglie non sono rappresentati nel film, nonostante nascondano quattro dei sei americani. -Canadian Caper, documentario PBS



La moglie dell'ambasciatore canadese ha davvero ricevuto una strana telefonata?

Sì. Pat Taylor, la moglie dell'ambasciatore canadese Ken Taylor, ha ricevuto una strana telefonata durante la quale il chiamante, che non si sarebbe identificato, ha chiesto di parlare con Joe Stafford, che si era nascosto con la moglie Kathy a casa Taylor. Pat ha detto al chiamante che non aveva mai sentito parlare di Joe Stafford e ha detto alla persona di chiamare suo marito. Ken Taylor non ha mai ricevuto una chiamata. -Canadian Caper, documentario PBS



Hanno davvero tenuto un interrogatorio di prova la sera prima di partire?

Sì, ma nella ricerca di Argo storia vera, abbiamo scoperto che a differenza di quanto mostrato nel film, Tony Mendez non ha agito da interrogatore. Invece, un uomo di nome Roger Lucy, che faceva la domestica con i quattro americani che stavano a casa dello Sheardown, si offrì volontario come interrogatore. Parlava fluentemente il farsi, la lingua della zona. Ha condotto i finti interrogatori vestito con abiti militari, completi di cappello, stivali jack, occhiali da sole e un bastone spavaldo. - CIA.gov



Quanto tempo è stato Tony in Iran prima di partire con i sei americani?

Tony e il suo partner, che lui chiama 'Julio', arrivarono a Mehrabad, in Iran, alle 5 del mattino di venerdì 25 gennaio 1980. Tony lasciò l'Iran con i sei americani tre giorni dopo, lunedì mattina, 28 gennaio. -CIA.gov



Quanto tempo sono rimasti i sei americani nascosti prima della loro fuga?

I sei americani rimasero nascosti in Iran per quasi 3 mesi, dal 4 novembre 1979 fino alla loro fuga la mattina del 28 gennaio 1980. Dopo essere finiti nella grande casa del vice capo missione canadese, John Sheardown (non rappresentato nel film), hanno trascorso il loro tempo perfezionando le loro abilità culinarie e giocando a scarabocchio.

In confronto, i 52 ostaggi che sono rimasti nell'edificio dell'ambasciata americana per l'intera durata della crisi degli ostaggi in Iran non sono stati rilasciati fino al 20 gennaio 1981, quasi un anno intero dopo che Tony Mendez ha ottenuto i sei americani (soprannominati i 'sei canadesi') su. Hanno trascorso un totale di 444 giorni come prigionieri. -CIA.gov



La missione è stata davvero annullata la sera prima come nel Argo film?

No. La missione non era mai stata annullata all'ultimo minuto, costringendo Tony Mendez a fare un'appassionata telefonata al suo capo per dirgli che l'avrebbe fatto comunque. In realtà, la missione era sempre stata intrapresa da quando il presidente americano Jimmy Carter aveva dato la sua approvazione prima che Tony prendesse il suo volo per Teheran, in Iran.

Il vero Tony Mendez si è svegliato con quarantacinque minuti di ritardo la mattina in cui doveva incontrarsi con i sei americani all'aeroporto. Aveva dormito durante l'allarme dell'orologio e si era svegliato quando era arrivato il suo viaggio verso l'aeroporto e aveva chiamato la sua camera d'albergo. Si precipitò a prepararsi e scese al piano di sotto 15 minuti dopo. -CIA.gov



I biglietti aerei sono stati davvero approvati e confermati all'ultimo minuto?

No. Il suspense Argo scena del film che richiede al personaggio di Ben Affleck di chiedere alla donna alla biglietteria dell'aeroporto di ricontrollare i biglietti mai realmente accaduti nella vita reale. Le prenotazioni erano sempre state fatte e non c'erano problemi allo sportello o ai posti di blocco. -CIA.gov



Tony ei sei americani sono stati davvero trattenuti all'aeroporto e poi inseguiti lungo la pista mentre l'aereo decollava?

No. In realtà, i sei americani sono arrivati ​​all'aeroporto Mehrabad di Teheran con 'Julio', il partner della CIA di Tony. Tony era arrivato prima di loro per assicurarsi di sdoganare e di poter fare il check-in allo sportello della compagnia aerea senza problemi. Li ha incontrati dopo che ce l'hanno fatta con successo, e il gruppo ha quindi proceduto attraverso il checkpoint dell'immigrazione / emigrazione insieme senza problemi, a differenza di quanto mostrato nel film. -CIA.gov

L'unico contrattempo si è verificato quando l'aereo è stato ritardato di un'ora a causa di un piccolo problema meccanico. Quando il problema fu risolto, presero l'autobus dell'aeroporto fino al punto in cui erano saliti sull'aereo e partì per Zurigo, in Svizzera. Non sono stati inseguiti lungo la pista dagli ufficiali e dalla Guardia rivoluzionaria all'aeroporto. Tuttavia, hanno effettivamente tirato un sospiro collettivo di sollievo una volta liberato lo spazio aereo iraniano. Per celebrare la loro fuga, hanno brindato con i Bloody Mary. - CIA.gov

La facilità della loro fuga dalla vita reale è in parte attribuita al fatto che avevano prenotato un volo la mattina presto alle 7:30 quando l'aeroporto sarebbe stato molto meno affollato, gli ufficiali sarebbero assonnati e la Guardia rivoluzionaria sarebbe stata per lo più ancora a letto. -CIA.gov



Dovevano davvero presentare una copia gialla corrispondente del modulo di imbarco / sbarco?

Sì. Dovevano presentare la copia gialla falsificata del modulo di imbarco / sbarco in modo che corrispondesse alla copia che avrebbe dovuto essere compilata al loro arrivo nel paese. C'è stato un momento in cui qualcuno al bancone si è allontanato con documenti che appartenevano a un membro del gruppo come nel film, ma l'impiegato si è allontanato solo per prendere una tazza di tè ed è tornato poco dopo. Non c'era bisogno di presentare ulteriormente una lettera del Ministero della Cultura come nel film. -Argo: Inside Story

Non è chiaro se il momento sopra descritto sia lo stesso caso descritto dal vero Lee Schatz nel Documentario PBS , dove il suo passaporto è stato momentaneamente portato in una stanza laterale. L'uomo che è tornato con esso gli ha chiesto se era davvero lui nella foto, poiché la sua espressione era diversa ei suoi baffi erano più lunghi nella foto del passaporto. Lee ha detto che lo era e l'uomo gli ha creduto e lo ha lasciato passare. -Canadian Caper, documentario PBS



Sono stati davvero arrestati e interrogati all'aeroporto come nel film?

No. Come affermato sopra, la nostra ricerca sulla storia vera ha rivelato che Tony Mendez ei sei americani non erano stati arrestati all'aeroporto. Non sono stati sequestrati come nel film. Non è stata quindi quasi persa una telefonata da mangiarsi le unghie a Studio Six Productions per verificare il loro background. Tony non ha mai dato agli ufficiali iraniani schizzi di storyboard da conservare come souvenir. -CIA.gov



Ho sentito che il muso dell'aereo aveva il nome 'Argau', è vero?

Sì. Sebbene non sia mostrato nel film (probabilmente per evitare confusione e per sostenere la credibilità), il vero aereo Swissair su cui gli americani volarono fuori aveva il nome 'Argau' sul naso. All'aereo della Swissair era stato dato il nome Argau dopo una regione della Svizzera. Notando il nome sul muso mentre il gruppo saliva sulla rampa per salire sull'aereo, Bob Anders diede un pugno a Tony Mendez sul braccio e disse: 'Hai organizzato tutto, vero?' -CIA.gov



Tony Mendez Master of Disguise Book
Il vero biglietto da visita dello Studio Six Productions è in mostra all'Int'l Spy Museum.Che fine ha fatto Studio Six Productions, la compagnia cinematografica creata per la copertina?

Lo Studio Six Productions ha chiuso i battenti diverse settimane dopo che Tony Mendez e il suo team hanno aiutato i sei americani a fuggire dall'Iran, tuttavia, non senza attirare l'attenzione di Hollywood. La società di produzione di film falsi della CIA ha creato una copertina così convincente da aver ricevuto 26 sceneggiature, inclusa una di Steven Spielberg. -CIA.gov



Quando la storia è stata finalmente rivelata al pubblico?

La storia del coinvolgimento della CIA nell'aiutare i sei americani a fuggire dall'Iran il 28 gennaio 1980 è stata declassificata e rivelata al pubblico come parte delle celebrazioni per il 50 ° anniversario dell'Agenzia nel 1997. -CIA.gov




Argo è basato su Mendez's Maestro del travestimento libro.Che ne è stato di Tony Mendez?

Tony Mendez e il suo partner nell'operazione in Iran hanno ricevuto ciascuno il premio Intelligence Star della CIA. Tony ha continuato a lavorare per la CIA, andando in pensione nel 1990 dopo 25 anni di servizio. Da allora ha scritto quattro libri, incluso il libro di memorie Master of Disguise: My Secret Life in the CIA , che racconta le sue esperienze. Trascorre gran parte del suo tempo a dipingere nei suoi studi d'arte nella sua fattoria di quaranta acri nella rurale contea di Washington, nel Maryland. Insieme a sua moglie, una veterana della CIA da 27 anni, ha anche fatto parte del Consiglio di amministrazione dell'International Spy Museum. -TheMasterofDisguise.com



Dov'è stato girato il film?

Oltre a vari luoghi in California (Warner Bros. Studios, ecc.) E una scena del quartier generale della CIA girata in Virginia, le riprese del film si sono svolte a Istanbul, in Turchia, che rappresentava l'Iran. La scena dell'aeroporto in quello che doveva essere l'aeroporto Mehrabad di Teheran è stata girata all'aeroporto internazionale LA / Ontario, che in realtà si trova nella città dell'Ontario, una città nella contea di San Bernardino, in California (non in Ontario, Canada). -IMDB.com